Le lune di Marte possono suggerire che una volta il pianeta aveva degli anelli

Le due lune grumose, Phobos e Deimos, furono scoperte nel 1877 e prendono il nome dai figli di Ares dalla mitologia greca (Marte prende il nome dal dio romano della guerra, che è Ares in greco). Phobos significa paura o panico e Deimos significa paura.

Per molto tempo si pensava che fossero in realtà asteroidi catturati dalla gravità del pianeta. Entrambi sembrano esserlo simile nella composizione agli asteroidi di condrite carbonace nerastri. Ma gli scienziati hanno capito che le lune sono quasi sullo stesso piano dell’equatore marziano. Ciò suggerisce che si formarono nello stesso periodo in cui Marte lo fece circa 4,5 miliardi di anni fa.

Mentre entrambi sono irregolari, Deimos è leggermente più raro di Phobos – la sua orbita è inclinata di due gradi.

“Il fatto che l’orbita di Deimos non sia esattamente nell’aereo con l’equatore di Marte non era considerato importante e nessuno si preoccupava di provare a spiegarlo”, ha dichiarato Matija Ćuk, autrice principale dello studio e ricercatrice presso l’Istituto SETI. “Ma una volta che abbiamo avuto una nuova grande idea e l’abbiamo guardata con nuovi occhi, l’inclinazione orbitale di Deimos ha rivelato il suo grande segreto.”

I risultati sono stati presentata durante il 236 ° Meeting dell’American Astronomical Society, che si svolge praticamente questa settimana durante la pandemia.

Una destinazione ciclica per le lune di Marte?

I ricercatori hanno esaminato Phobos, che perde altezza mentre interagisce con la gravità marziana nel tempo. Alla fine, la sua orbita sarà troppo bassa e Marte essenzialmente la spezzerà in pezzi che formano un anello attorno al pianeta. Si stima che ciò accadrà tra 50 milioni di anni.

Lo studio dice che alcuni flussi di fango come lava su Marte

E se Marte avesse mai posseduto altre lune che avevano lo stesso destino? Nel tempo, gli anelli formerebbero nuove e più piccole lune in un ciclo apparentemente infinito.

Qualcosa spinse Deimos fuori dal pianeta e lo fece inchinare, come interagire con un’altra luna più grande.

Phobos, leggermente più grande di Deimos, è solo 3.700 miglia sopra la superficie marziana; Nessuna luna conosciuta nel nostro sistema solare è più vicina al suo pianeta. Essendo così vicino, Phobos completa tre orbite attorno a Marte in un giorno terrestre, mentre Deimos, che è più distante, impiega circa 30 ore terrestri per completare un’orbita.

E se Phobos non fosse sempre, beh, Phobos? E se fosse una volta molto più grande e attraversasse alcuni cicli in cui passava da una luna a un anello e viceversa?

Prove di antichi fiumi visti su Marte: studio

I ricercatori ritengono che Phobos una volta avesse avuto un nonno 3 miliardi di anni fa che chiamavano proto-Phobos, probabilmente 20 volte più massiccio della piccola luna ora. Nel corso di alcuni cicli di anelli lunari, è diventato Phobos, il che spiegherebbe perché alcuni ricercatori credono che si sia formato solo circa 200 milioni di anni fa.

Un anello prominente attorno a Marte avrebbe spinto fuori i proto-phobes, lontano dal pianeta. Ciò avrebbe anche influenzato la risonanza orbitale di Proto-Phobos con Deimos e l’avrebbe anche alienata da Marte.

L’agenzia spaziale giapponese JAXA prevede di inviare un veicolo spaziale a Phobos nel 2024 per raccogliere campioni dalla superficie e restituirli sulla Terra. Questo potrebbe rivelare di più sul passato della luna.

Angelo Narcisi

Angelo Narcisi

Multilingue e multitasker. Amante Agile. Giocoliere digitale. Giocatore di squadra. Completamente impegnato con il re (contenuto). Felice musicista e viaggiatore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *