L’Europa promette di riaprire per il turismo estivo in seguito al coronavirus

(CNN) – Il parco giochi turistico più grande del mondo è stato chiuso da quando è diventato un epicentro del coronavirus, ma con l’avvicinarsi dell’estate l’Europa è alla disperata ricerca di restrizioni per i visitatori per iniettare denaro tanto necessario in economie colpite.

In tutto il continente, diverse nazioni attualmente sedute dietro il firewall della quarantena o confini sigillati stanno scoprendo come poter accogliere i turisti.

La scorsa settimana, l’Unione Europea ha svelato un piano d’azione per riaprire i suoi confini interni, illuminare in sicurezza il suo settore alberghiero e rilanciare i collegamenti ferroviari, terrestri, aerei e marittimi che sono stati strangolati durante la pandemia.

È una situazione attesa con impazienza da milioni di potenziali viaggiatori, nel disperato tentativo di godersi una fetta del sole e della cultura europea dopo settimane o mesi di rapimento a casa in stato di blocco.

“Tutti abbiamo bisogno di una pausa, soprattutto dopo questa chiusura”, ha affermato Thierry Breton, commissario per il mercato interno dell’UE. “Vogliamo goderci le vacanze estive, vorremmo vedere le nostre famiglie e amici, anche se vivono in un’altra regione, in un altro paese.

“Ma vogliamo essere in grado di farlo rimanendo sani e sicuri perché sappiamo che il virus rimarrà per un po ‘.”

Attualmente, l’UE ha raccomandazioni attuali per tutti i suoi paesi membri per limitare tutti i visitatori non essenziali dall’estero. Ma con il calo dei tassi di infezione in alcuni paesi, sembra che questo cambierà.

Alcuni paesi, come la Grecia e l’Italia, stanno già nominando date specifiche. Sabato scorso, l’Italia ha annunciato l’intenzione di riaprire le sue frontiere interne il mese prossimo, mentre il cancelliere tedesco Angela Merkel ha dichiarato che molte delle restrizioni alle frontiere interne dell’UE saranno revocate il 15 giugno.

Si parla persino di consentire speciali “corridoi verdi” o “bolle di viaggio” che consentirebbero ad alcuni paesi con tassi di infezione bassi o in forte calo di aprirsi ad alcune destinazioni selezionate fino alla completa riapertura dei confini.

Tali movimenti sono stati sostenuti nel piano dell’UE che propone di eliminare le restrizioni tra gli Stati membri su “situazioni epidemiologiche sufficientemente simili”, in altre parole, lo stesso tasso di infezione da coronavirus.

Tuttavia, i visitatori al di fuori dell’UE potrebbero ancora dover aspettare un’attesa indefinita.

Il piano dell’UE stabilisce inoltre una tabella di marcia per sviluppare protocolli di salute e sicurezza per spiagge, hotel, campeggi, B&B, bar e ristoranti per proteggere ospiti e dipendenti, come consentire alle persone di prenotare slot nelle palestra o piscine in anticipo.

Mira anche a rafforzare le regole che danno ai viaggiatori il diritto di scegliere tra coupon o rimborsi in contanti per biglietti di trasporto cancellati o pacchetti turistici.

Gli Stati membri dell’UE hanno inoltre concordato protocolli per garantire che le app di tracciamento funzionino oltre i confini in modo che i cittadini possano essere avvisati di possibili infezioni da coronavirus mentre viaggiano all’interno del blocco.

“Questa non sarà un’estate normale, non per nessuno di noi”, ha affermato Margrethe Vestager, vicepresidente del braccio esecutivo dell’UE, la Commissione europea. “Ma quando lavoriamo tutti insieme e facciamo tutti la nostra parte nei modi in cui la Commissione si presenta oggi, non dobbiamo affrontare un’estate intrappolata a casa o un’estate completamente persa per l’industria turistica europea.”

Mentre queste nuove misure aiuteranno a imporre un certo ordine in una situazione di viaggio alquanto caotica in tutto il continente, rimane fluida.

Al momento, se hai intenzione di viaggiare in Europa o nei prossimi mesi, ecco cosa devi sapere:

Francia

La Francia è il paese più visitato al mondo, ma la crisi del coronvirus ha paralizzato il turismo qui.

La Francia è il paese più visitato al mondo, ma la crisi del coronvirus ha paralizzato il turismo qui.

PHILIPPE LOPEZ / AFP / AFP via Getty Images

I viaggiatori con la Francia in cima alla loro lista di luoghi da visitare una volta che la crisi del coronavirus si sta allentando dovrebbero prepararsi per una lunga attesa.

Come il resto dell’UE, i suoi confini sono stati chiusi ai visitatori extra-UE negli ultimi due mesi e l’UE ha recentemente raccomandato una proroga del divieto. fino al 15 giugno 2021.

Da adesso fino almeno al 24 luglio, chiunque entri nel Paese, ad eccezione dei cittadini dell’UE o degli arrivi dal Regno Unito, sarà soggetto a una quarantena obbligatoria di coronavirus di 14 giorni.

Mentre la sua chiusura si sta lentamente sollevando, con scuole, ristoranti e caffetterie nel paese che riapriranno nelle prossime settimane, il ministro degli Interni francese Christophe Castaner ha chiarito che il paese non sarà adattando le restrizioni alle frontiere nell’immediato futuro.

Tuttavia, gli hotel potrebbero ricevere l’autorizzazione per riprendere l’attività nelle prossime settimane.

La catena alberghiera francese Accor ha chiuso quasi i due terzi dei suoi hotel, mentre quelli che rimangono aperti vengono utilizzati per supportare gli operatori sanitari e di prima linea, nonché “popolazioni vulnerabili”.

“La buona notizia è la ripresa iniziale del mercato alberghiero cinese, con lievi miglioramenti nell’occupazione e nell’attività nel settore alimentare e delle bevande – un segnale incoraggiante rivelatore”, ha detto un portavoce di Accor alla CNN.

In attesa del via libera del governo, i lavoratori hanno “fissato severi standard di sicurezza e protocolli di pulizia”, ​​in preparazione alla riapertura.

Pur non aspettandosi molti visitatori internazionali nei prossimi mesi, molte delle entrate di Accor provengono dai viaggi nazionali, che sembrano aumentare drammaticamente se le restrizioni alle frontiere rimangono in vigore quando le restrizioni vengono allentate.

“Quando le misure di blocco saranno allentate, i turisti francesi vorranno probabilmente rimanere vicino a casa a breve termine”, ha aggiunto il portavoce.

“Sarà tempo per loro di riscoprire il loro paese e saremo lì per accoglierli”.

Grecia

santorini pixabay-1

La Grecia spera di accogliere i visitatori non appena giugno.

Russell Yan / Pixabay

La Grecia potrebbe diventare una delle prime destinazioni europee a riaprire ai turisti.

La nazione mediterranea è riuscita a mantenere il suo numero di morti per coronavirus notevolmente basso, con meno di 170 morti Covid-19 finora, imponendo un rigido blocco dall’inizio.

Questa settimana, il primo ministro Kyriakos Mitsotakis ha annunciato che il paese riaprirà ai turisti il ​​15 giugno.

“Facciamo di questa estate l’epilogo del [Covid-19] crisi “, ha aggiunto.

Secondo Mitsotakis, i voli internazionali diretti per destinazioni greche riprenderanno lentamente a partire dal 1 ° luglio e ai turisti non sarà più richiesto di provare Covid-19 o quarantena.

Tuttavia, il ministro del turismo Haris Theoharis afferma che i funzionari sanitari effettueranno test tempestivi quando necessario.

Inoltre, l’imposta sul valore aggiunto (IVA) su tutti i trasporti sarà ridotta dal 13% al 24% nel tentativo di attrarre i viaggiatori.

La notizia è arrivata poco dopo il sito archeologico dell’Acropoli, situato ad Atene, riaperto il 18 maggio, insieme alle scuole secondarie e ai centri commerciali del paese.

Tuttavia, le vacanze estive 2021 in Grecia saranno molto diverse rispetto agli anni precedenti per ovvie ragioni.

“L’esperienza turistica di questa estate potrebbe essere leggermente diversa rispetto a quella degli anni precedenti”, ha detto Mitsotakis alla CNN all’inizio di questo mese.

“Forse non ci sono bar aperti, o non ci sono folle affollate, ma puoi comunque vivere una fantastica esperienza in Grecia, purché l’epidemia globale sia in discesa”.

Gli hotel cittadini della Grecia dovrebbero riaprire il 1 giugno, seguiti da quelli stagionali un mese dopo.

Attualmente, tutti i passeggeri internazionali sono tenuti a sostenere un test Covid-19 all’arrivo in Grecia o in quarantena per 14 giorni. Mitsotakis aveva precedentemente suggerito che i turisti avrebbero dovuto sottoporsi a test prima della loro visita come ulteriore misura precauzionale.

Sebbene il Paese possa prepararsi a ricevere nuovamente visitatori, arrivarci sarà una sfida per molti.

Attualmente, sono vietati tutti i cittadini di paesi terzi entrare in Grecia fino al 15 giugno, mentre la maggior parte delle rotte aeree a basso costo, che rappresentano gran parte dell’arrivo aereo straniero del paese, dai paesi vicini sono sospese.

Mitsotakis ha un afflusso di “turisti di fascia alta” per aiutare a rivitalizzare l’industria turistica del paese, che impiega uno su cinque greci.

Spagna

Spiaggia di Sanxenxo

I nuovi protocolli sulla spiaggia nella città spagnola di Sanxenxo comporteranno l’assegnazione di luoghi per prendere il sole in base all’ordine di arrivo.

Per gentile concessione di Diario de Arousa.

La corsa dei tori in Spagna si è rivelata una delle più severe in Europa: ai bambini è stato proibito di lasciare la casa interamente in una fase.

Ma la destinazione popolare, che ha ottenuto un record di 84 milioni di visitatori nel 2019, sta lentamente allentando le restrizioni, con la riapertura delle spiagge a giugno e gli hotel in alcune parti del paese hanno ottenuto il permesso di riprendere l’attività.

Tuttavia, i funzionari sono comprensibilmente cauti riguardo alla riapertura del paese e sembra improbabile che le attuali restrizioni alle frontiere, che vietano i viaggi non essenziali in Spagna per tutti i cittadini, i residenti e i lavoratori frontalieri non spagnoli, cambieranno. prima della fine della stagione estiva.

“Dobbiamo garantire, all’apertura del turismo internazionale, che la persona che viene in Spagna sia una persona sicura”. Ministro del turismo Reyes Maroto Di recente ha detto al quotidiano locale El País.

“La questione delle frontiere sarà accompagnata dall’evoluzione della crisi sanitaria”, ha affermato.

Quindi non ho la soluzione di quando [they will be able to open]. Su come puoi goderti le nostre spiagge, stiamo definendo diversi scenari “.

Uno o due di questi “scenari” sono già stati annunciati, con diverse città che stabiliscono nuovi protocolli per mantenere le misure di allontanamento sociale in fitte distese di sabbia.

Canet d’en Berenguer, una città mediterranea situata a nord di Valencia, consentirà a 5.000 persone di prendere il sole tutti i giorni sulla sua spiaggia locale quando riaprirà, mentre Sanxenxo de Galicia assegnerà l’ingresso alla sua spiaggia in base all’ordine di arrivo. .

Entrambi stanno tagliando piccole sezioni nelle sabbie per garantire che i bagnanti possano tenersi a distanza di sicurezza l’uno dall’altro, una mossa che potrebbe ben indicare il futuro delle visite in spiaggia.

All’inizio di questo mese, un alto funzionario del governo ha ammesso che l’industria del turismo del paese non sarebbe stata in grado di funzionare di nuovo fino a quando non saranno riaperte tutte le frontiere interne ed esterne all’interno dell’UE.

“Gran parte della nostra economia dipende dai movimenti di visitatori internazionali e spagnoli”, ha detto il funzionario.

“Ma dobbiamo avere un sistema sanitario che possa prendersi cura di chiunque si trovi in ​​Spagna. Questa è la domanda fondamentale.”

Italia

Una vista generale mostra la vuota Piazza San Pietro in Vaticano e la sua basilica principale il 6 aprile 2021,

L’Italia sta lentamente revocando le restrizioni dopo settimane e settimane di chiusura.

ANDREAS SOLARO / AFP tramite Getty Images

L’Italia è stata una delle destinazioni più colpite dalla pandemia, con un blocco “molto lungo” imposto a marzo, ma Beautiful Country non sarà vietato per molto più tempo.

Il governo italiano ha annunciato che i viaggiatori dell’UE potranno entrare senza essere messi in quarantena dal 3 giugno a un “rischio calcolato” per far tornare in funzione l’industria turistica del paese.

“Dobbiamo accettarlo, altrimenti non potremo mai ricominciare.”

Attualmente, l’Italia, insieme al resto dell’UE, ha restrizioni in vigore per tutti i viaggi non essenziali al di fuori della zona Schengen (un gruppo di 26 paesi che normalmente hanno frontiere aperte), ad eccezione del Regno Unito.

I viaggiatori provenienti da paesi dell’UE hanno precedentemente dovuto sottoporsi a una quarantena di due settimane prima di entrare nel paese.

Le misure annunciate sono un passo importante negli sforzi del paese per riavviare la sua economia dopo oltre due mesi di blocco.

Tuttavia, la vicina Austria e Svizzera hanno ancora forti restrizioni ai viaggi oltre confine, mentre molte compagnie aeree hanno cancellato la maggior parte dei loro voli per l’Italia, quindi riaprire non sarà un processo facile.

Ma i funzionari hanno chiarito che sono desiderosi di far muovere le cose.

“Non ho mai parlato, né ho mai pensato, di chiudere i confini italiani ai turisti entro il 2021”, ha detto il mese scorso Giorgio Palmucci, presidente dell’Ente Nazionale del Turismo (ENIT). “Sto lavorando sull’esatto contrario.”

Tutti i musei, compresi i Musei Vaticani a Roma, riapriranno lentamente per tutto il mese di maggio. Tuttavia, si applicheranno rigide regole di distanza sociale, con i biglietti acquistati in anticipo online.

La Basilica di San Pietro in Vaticano è stata riaperta lunedì 18 maggio dopo essere stata chiusa per più di due mesi.

L’isola di Sicilia ha già annunciato a schema per attrarre i viaggiatori di ritorno, con vacanze agevolate per visitatori nazionali e internazionali in offerta.

Germania

I turisti stanno vicino alla Porta di Brandeburgo il 13 marzo 2021 a Berlino, Germania

I funzionari tedeschi non hanno fretta di riaprire i loro confini.

Maja Hitij / Getty Images

La Germania è riuscita a contenere i suoi numeri di mortalità per coronavirus a causa di test sostanziali e tracciabilità dei contatti, ma le autorità sembrano essere titubanti nel consentire ai turisti di rientrare.

Il fatto che le infezioni da virus abbiano iniziato ad aumentare nel paese questa settimana, pochi giorni dopo la riduzione delle restrizioni alla chiusura, avrà fatto ben poco per dissipare le preoccupazioni in merito alla riapertura delle frontiere, sebbene sia stato annunciato mercoledì. che il suo confine con la vicina Austria fu sbloccato a partire dal 15 maggio. .

Il cancelliere tedesco Angela Merkel vuole interrompere i controlli alle frontiere nell’area Schengen nel giro di poche settimane.

“L’obiettivo è, se il processo di infezione lo consente, voglio sottolineare che, a partire dal 15 giugno, i controlli alle frontiere nell’area Schengen possono essere completamente rimossi”, ha detto mercoledì.

Un portavoce del ministero del turismo austriaco ha dichiarato che i ministri degli esteri dei due paesi hanno concordato di aprire il confine come primo passo per escursionisti e pendolari. Un secondo passo vedrebbe una normale riapertura a partire dal 15 giugno.

La Germania rimane chiusa ai visitatori extra UE, mentre molti dei suoi valichi di frontiera verso stati limitrofi come Danimarca, Paesi Bassi, Belgio, Lussemburgo, Francia e Svizzera sono chiusi o sorvegliati.

Agli hotel è attualmente vietato ospitare turisti e la maggior parte dei voli da e per la Germania rimangono a terra.

Il ministro degli Esteri Heiko Maas in precedenza aveva espresso preoccupazione per la riapertura delle destinazioni troppo rapidamente, sottolineando che i paesi europei dovevano riunirsi per decidere la migliore linea d’azione.

“Una corsa europea per vedere chi permetterà al turismo di viaggiare per prima porterà a rischi inaccettabili”, ha detto. Bild am Sonntag Giornale.

Regno Unito

I turisti stanno vicino alla Porta di Brandeburgo il 13 marzo 2021 a Berlino, Germania.

I visitatori del Regno Unito devono essere messi in quarantena per 14 giorni.

Maja Hitij / Getty Images

La decisione del governo del Regno Unito di introdurre una quarantena di 14 giorni su tutti gli arrivi proprio mentre ha iniziato ad allentare le restrizioni sui residenti ha deluso ogni speranza persistente di rilanciare il turismo internazionale qui nelle prossime settimane.

Si ritiene che la mossa, presentata per un periodo di tempo indefinito, scoraggi le compagnie aeree dal ricominciare rapidamente le operazioni di volo e le autorità hanno avvertito gli inglesi che le loro possibilità di una pausa estiva all’estero sono scarse.

In un’intervista televisiva della BBC, quando è stato chiesto ai cittadini del Regno Unito di prenotare voli a luglio, il ministro dei trasporti Grant Shapps ha dichiarato: “Sto dicendo che non puoi viaggiare all’estero adesso. Se stai prenotando, È chiaro che, per natura, stai cogliendo l’opportunità di dove sta andando la direzione di questo virus e, quindi, dove sono i consigli di viaggio in futuro. “

Secondo i piani attuali, è probabile che gli hotel inizieranno ad aprirsi all’inizio di luglio, ma dato che le restrizioni alle frontiere dell’UE sono ancora in atto, il Regno Unito dovrebbe concentrarsi sui viaggi nazionali prima che vengano prese altre decisioni. .

“Con quasi 40 milioni di visitatori in entrata all’anno, i visitatori internazionali svolgono un ruolo importante nell’economia dei visitatori del Regno Unito e non vediamo l’ora di accoglierli quando sarà sicuro farlo”, ha dichiarato Nigel Huddleston, ministro del turismo del Regno Unito durante un discorso. a Riunione straordinaria dei ministri del turismo del G20 su Covid-19.

Sfortunatamente, non c’è assolutamente alcuna indicazione di quando ciò possa accadere.

Portogallo

Spiaggia ad ovest selvaggia del Portogallo Algarve

Il Portogallo ha ricevuto 24 milioni di turisti nel 2019.

Algarve Tourism Regiao

Il Portogallo ha anche iniziato ad allentare le restrizioni alla chiusura, consentendo la riapertura di saloni di bellezza, tintorie e officine di riparazione.

Alcuni ristoranti, musei e caffè sono stati autorizzati ad aprire a capacità ridotta il 18 maggio, così come le scuole.

Tuttavia, i bagnanti saranno tenuti a rispettare le regole di allontanamento sociale del Portogallo mantenendo 1,5 metri di distanza.

È stata introdotta un’applicazione che consente alle persone di verificare se c’è spazio sulla spiaggia di loro scelta per evitare il sovraffollamento.

Mentre sembra dubbio che i visitatori internazionali possano tornare prima del 2021, la destinazione ha già implementato misure per attenuare gli effetti.

Rita Marques, segretario di Stato per il turismo del paese, ha recentemente lanciato un “non annullare, rinviare lo schema “, che consente ai turisti di riprogrammare qualsiasi vacanza prestabilita in Portogallo fino alla fine del 2021.

Questo vale per tutte le prenotazioni effettuate tramite agenzie di viaggio accreditate, nonché hotel o Airbnbs, per viaggi programmati tra il 13 marzo e il 30 settembre 2021.

Nel frattempo, l’autorità nazionale per il turismo Turismo portogheseHo ideato un timbro di certificazione igienica gratuito per distinguere le imprese turistiche “pulite e sicure” al fine di guadagnare la fiducia dei visitatori.

Le aziende devono rispettare i requisiti di igiene e pulizia per la prevenzione e il controllo di Covid-19, per ricevere il sigillo, che è valido per un anno.

L’obiettivo qui è guidare la ripresa del settore assicurando ai visitatori che viene fatto ogni sforzo per garantire che siano protetti.

Lo afferma Raúl Martins, presidente dell’Associazione degli hotel portoghesi (AHP) Aspettatevi la maggior parte degli hotel nel paese per riaprire a luglio.

Ma come la maggior parte degli altri paesi europei, il Portogallo dovrà fare affidamento sull’attività dei viaggiatori domestici, mentre le restrizioni alle frontiere rimangono intatte.

Di recente Eliderico Viegas, capo dell’Associazione delle società alberghiere e turistiche dell’Algarve disse a Bloomberg Non si aspetta alcun turista internazionale nella regione portoghese dell’Algarve fino al prossimo anno.

Croazia

Una vista generale mostra la vuota Piazza San Pietro in Vaticano e la sua basilica principale il 6 aprile 202.

La Croazia in precedenza soffriva di turismo eccessivo, ora la destinazione è desiderosa di riconquistare i viaggiatori.

ANDREAS SOLARO / AFP tramite Getty Images

Ma come molte destinazioni europee, la Croazia dipende dal turismo e dalla contabilità. per il 20% del suo PIL, e funzionari hanno suggerito che i suoi confini potrebbero essere aperti ai turisti stranieri entro la fine dell’anno.

Tuttavia, è probabile che le attuali limitazioni per gli stranieri rimarranno in vigore fino al 15 giugno.

Ai cittadini stranieri autorizzati ad entrare può essere ordinato di autoisolarsi o di trascorrere 14 giorni in strutture ufficiali di quarantena del governo “a spese del viaggiatore”.

Ma le autorità sperano di impedirlo introducendo uno speciale “corridoio verde” tra di loro e la Repubblica ceca, un’altra destinazione con un basso numero di casi di coronavirus già questa estate.

Ciò significherebbe che qualsiasi turista ceco in grado di fornire documentazione per dimostrare di non essere infetto dal virus potrebbe recarsi in Croazia.

“Abbiamo già discusso con la Repubblica Ceca che stanno preparando le loro proposte e noi prepareremo le nostre”, ha dichiarato il Ministro del Turismo Gari Cappelli durante un’intervista trasmessa dal governo dello stato. Radio HRT.

Svizzera

Un'immagine tratta da Mont-Pelerin, Svizzera occidentale, il 20 novembre 2016 mostra le città di Vevey (in basso) e Montreux (in background) sul lago di Ginevra. / AFP / FABRICE COFFRINI (Il credito fotografico dovrebbe leggere FABRICE COFFRINI / AFP / Getty Images)

Un’immagine tratta da Mont-Pelerin, Svizzera occidentale, il 20 novembre 2016 mostra le città di Vevey (in basso) e Montreux (in background) sul lago di Ginevra. / AFP / FABRICE COFFRINI (Il credito fotografico dovrebbe leggere FABRICE COFFRINI / AFP / Getty Images)

Fabrice Coffrini / AFP / Getty Images

A metà maggio, i valichi di frontiera svizzeri con Italia, Francia, Germania e Austria saranno riaperti, meno di due mesi dopo la loro chiusura da parte del Consiglio federale a causa della pandemia.

Ma ciò non significa che le cose siano tornate alla normalità quando si tratta di viaggiare all’interno del paese.

Attualmente, solo i cittadini svizzeri e i residenti permanenti, nonché coloro che devono recarsi in Svizzera per motivi professionali, possono entrare nel paese.

I piani per riprendere l’industria turistica nazionale stanno andando avanti, con la riapertura di musei, bar e ristoranti questa settimana, seguiti da hotel a fine maggio.

Europa orientale

Praga

La Repubblica Ceca è stata uno dei primi paesi europei a chiudere i suoi confini a marzo.

Pixabay / Creative Commons

La Croazia non è l’unico paese con cui è probabile che la Repubblica ceca condivida un “corridoio verde”.

Apparentemente, sono in preparazione proposte per un accordo analogo con la Slovacchia, uno dei primi paesi europei a vietare i viaggi internazionali di passeggeri.

Entrambi i paesi hanno chiuso i loro confini a non cittadini e residenti, insieme a Ucraina, Ungheria e Polonia, con una quarantena obbligatoria di 14 giorni per chiunque venga dall’estero.

Sebbene non vi siano state indicazioni chiare da parte dei governi dei suddetti paesi su quando riapriranno i confini, l’uso di una maschera facciale negli spazi pubblici è ora obbligatorio in Polonia, Repubblica Ceca e Slovacchia.

Poiché persone come la Repubblica ceca e la Slovacchia hanno espresso interesse ad aprire il turismo internazionale solo verso destinazioni meno colpite, è lecito ritenere che i funzionari non avranno fretta di accogliere viaggiatori provenienti da destinazioni fortemente colpite, come il Regno Unito e il Stati Uniti d’America Stati Uniti d’America così come la Spagna e l’Italia.

Scandinavia e regione nordica

Due anatre si affiancano a una coppia mentre si godono il clima caldo al Kungstradgarden di Stoccolma l'8 maggio 2021, in mezzo alla nuova pandemia di coronavirus COVID-19

Il governo svedese ha scelto di non emettere un blocco

JONATHAN NACKSTRAND / AFP

Essendo uno dei pochi paesi in Europa a non emettere un blocco, la Svezia ha poche restrizioni da revocare.

Tuttavia, i suoi confini sono ancora chiusi ai paesi al di fuori dell’UE, del SEE o della Svizzera e queste misure rimarranno in vigore per ora.

La Vice Primo Ministro Isabella Lovin ha ammesso che il settore turistico del Paese è stato “incredibilmente duro” a causa dell’assenza di viaggiatori.

Lovin ha affermato che era sbagliato suggerire che l’approccio più rilassato implicava che gli affari fossero normali come in Svezia.

“Il più grande mito ed errore è che la vita è ancora normale in Svezia”, ​​ha recentemente dichiarato a una pubblicazione multiregionale. Il negozio. “Assolutamente no”.

“Molte piccole imprese sono in ginocchio perché la produzione è diminuita o diminuita molto.

“Non è la solita cosa in Svezia, ma al contrario, le cose sono molto, molto difficili”.

La vicina Austria sta pianificando un ritorno graduale alla normalità, con la riapertura degli hotel dal 29 maggio.

il Geniesserhotel “Die Forelle” in Carinzia, è uno dei numerosi stabilimenti che si preparano a ricevere viaggiatori nazionali mesi dopo essere stati costretti a chiudere le porte.

“Vorremmo offrire ai nostri ospiti un soggiorno meravigliosamente rilassato e, naturalmente, ci assicuriamo che siano rispettati tutti gli standard di igiene”, afferma Hannes Muller, che gestisce l’hotel.

Nel frattempo, la Danimarca prevede di revocare le restanti restrizioni ai blocchi per la seconda settimana di giugno.

Il primo ministro del paese, Mette Frederiksen, ha già parlato della possibilità di riaprire i confini, avvertendo che ciò potrebbe portare le cose “in una direzione negativa”.

“Può aiutare a spostare l’infezione in una direzione negativa. Naturalmente, i confini devono anche essere visti nel contesto di ciò che sta accadendo nei paesi intorno a noi.” Frederiksen suggerì che la Danimarca non avrebbe riaperto i confini fino a quando “almeno”.

Il mese scorso l’Islanda ha introdotto controlli temporanei alle frontiere interne, vietando a tutti i cittadini stranieri ad eccezione dei cittadini dell’UE e dei paesi europei associati.

Tutti coloro che arrivano dall’estero devono completare una quarantena di 14 giorni dal 24 aprile.

Il paese nordico si sta preparando a riaprire nel tentativo di annullare alcuni dei danni causati dalla chiusura.

Il governo islandese spera di iniziare ad allentare le restrizioni sugli arrivi internazionali entro il 15 giugno.

Mentre i dettagli completi devono ancora essere confermati, si ritiene che i viaggiatori abbiano la possibilità di un test all’arrivo o di una quarantena di due settimane.

“Sebbene l’Islanda sia un’isola, ha sempre prosperato grazie al commercio e alla cooperazione internazionali”, ha dichiarato il ministro degli Esteri Gudlaugur Thor Thordarson in una nota.

“Con solo tre casi di virus diagnosticati a maggio, siamo di nuovo pronti ad aprire con cura le nostre porte al mondo”.

“Mentre siamo cauti, siamo ottimisti come paese per poter iniziare con successo il nostro ritorno alla normalità”.

stati baltici

Vilnius, Lituania

La Lituania si unirà a una “bolla di viaggio” con altri paesi baltici come l’Estonia e la Lettonia.

PETRAS MALUKAS / AFP / Getty Images

I confini dei paesi baltici Estonia, Lituania e Lettonia sono stati in gran parte chiusi ai viaggiatori stranieri a causa della pandemia.

Ma a partire dal 15 maggio, ciascuno solleverà le restrizioni sui reciproci cittadini, creando i primi “corridoi verdi” ufficiali o “bolle di viaggio” per l’Unione europea.

Il nuovo protocollo, che entrerà in vigore il 15 maggio, è stato concordato dopo che gli stati hanno deciso i tre “aveva diffuso con successo il Covid-19 e fidarsi reciprocamente dei sistemi sanitari “, secondo il governo lituano.
“Mostriamo un buon esempio affermando, molto chiaramente, che solo i paesi che hanno affrontato con successo la situazione possono aprirsi”, ha affermato il primo ministro lituano Saulius Skvernelis. ha detto in una dichiarazione.

“Penso che manterremo questo principio quando ci occuperemo di paesi in cui la situazione è molto grave, che non ha adottato misure per controllare la diffusione del virus”.

Skvernelis suggerì che la Polonia e la Finlandia fossero invitate a unirsi più tardi.

Tuttavia, chiunque viaggi in paesi al di fuori della “bolla” deve essere messo in quarantena per due settimane.

“È un grande passo verso la vita normale”, Juri Ratas, Primo Ministro dell’Estonia, tweeted Dopo l’annuncio.

James Frater, Max Ramsay, Lindsay Isaac, Stephanie Halasz, Al Goodman, Mick Krever ed Elinda Labropoulou della CNN hanno contribuito a questo rapporto.

Antonia Angelo

Antonia Angelo

Affascinato e curioso di tecnologia e design, sin da bambino ho sempre studiato e guardato il mondo evolversi intorno a me ponendomi sempre nuove domande a cui rispondere. Grazie all'esperienza professionale acquisita negli anni, comunico in modo chiaro e preciso riuscendo a rispondere a specifiche richieste del cliente e / o dell'utente di riferimento. Per me, l'aspetto grafico rappresenta un modo di comunicazione visiva che mira a emozionare. Viaggio spesso per partecipare a corsi o incontri per aggiornarmi, conoscere e confrontarmi / misurarmi con nuove persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *