L’Europa si chiude positivamente al seguito di Wall Street. Le compagnie bancarie e petrolifere volano a Milano

Serviziogiorno di mercato

La stagione trimestrale continua, ma gli investitori guardano agli Stati Uniti in attesa dell’approvazione congressuale delle misure di aiuto. L’euro a un baffo da 1,19 dollari, oro e petrolio in rally

di Chiara Di Cristofaro e Cheo Condina

foto di caricamento predefinita
(REUTERS)

La stagione trimestrale continua, ma gli investitori guardano agli Stati Uniti in attesa dell’approvazione congressuale delle misure di aiuto. L’euro a un baffo da 1,19 dollari, oro e petrolio in rally

2 ‘di lettura

Una sessione positiva per l’Europa, che si sta nuovamente avvicinando a Wall Street, in cui il Dow Jones – guidato dai rapporti trimestrali e in attesa del nuovo piano di aiuti del governo entro il fine settimana – supera i 27 mila punti di slancio. La riacutizzazione del greggio ha anche contribuito all’aumento dei mercati, con il WTI che ha recuperato quasi il 4% oltre $ 43 al barile (titoli statunitensi in calo al di sotto delle aspettative), mentre l’oro ha battuto nuovi record e ora sta viaggiando costantemente sopra $ 2.000 l ‘oncia. I dati statunitensi, d’altro canto, sono contrastanti: l’occupazione nel settore privato è prevista al di sotto di luglio, i servizi ISM sono migliori del previsto.

Milano ha quindi chiuso in rialzo dello 0,64% con l’evidenza dei prezzi del petrolio (Saipem+ 6%, Eni + 3%) e titoli bancari con Intesa Sanpaolo (+ 2,2%) grazie ai conti oltre le aspettative e con Bper Banca (+ 5,8%) che celebra l’ingresso nel Ftse Mib con l’uscita di UBI Banca. Acquisti forti anche su Telecom Italia (+ 4%) con l’accelerazione del dossier per la singola rete mentre le utility viaggiano in fondo all’elenco, Diasorin(-1,8%) e Atlantia (-0,3%) con il mercato che teme nuove tensioni con il governo dopo l’apparente arresto dei negoziati con Cdp per l’uscita da Aspi.

Positivo Wall Street, delude i dati sul lavoro ADP, buoni servizi

Indici in aumento a Wall Street, con gli investitori in attesa dell’approvazione del prossimo pacchetto di sostegno per l’economia e nonostante la delusione per la relazione sui lavori nel settore privato che rivela numeri molto inferiori rispetto alle stime degli analisti. Solo 167.000 posti di lavoro in più sono stati creati il ​​mese scorso rispetto a giugno, mentre le stime erano per un aumento di 1 milione di unità. Occhi sulla cifra di disoccupazione, prevista per venerdì 7 agosto: il presidente Trump ha annunciato che il rapporto di lavoro mostrerà un gran numero. Gli economisti intervistati da Dow Jones si aspettano 1,284 milioni di posti di lavoro in più a luglio.

D’altra parte, l’indice ISM Servizi ci ha sorpreso, che misura le prestazioni del settore dei servizi negli Stati Uniti e che è aumentato a luglio oltre le aspettative degli analisti. L’indice di riferimento elaborato dall’Institute for Supply Management è salito a 58,1 da 57,1 di giugno. Gli analisti si aspettavano un aumento di 55 punti.

L’oro è ancora in manifestazione, aggiorna i record

Nel frattempo, la corsa all’oro non si ferma: l’oro spot è salito a $ 2,050 l’oncia, aggiornando il nuovo record, mentre i futures sul metallo giallo sono vicini a $ 2,040 l’oncia. “I livelli tecnici stanno perdendo importanza in questo scenario, dominato da un grande appetito per il metallo giallo – commentano gli analisti di ActivTrades – gli investitori non considerano i livelli tecnici e lo scenario di ipercomprato, ma acquistano solo per guadagnare in caso di correzioni veloci e deprezzando significativamente il dollaro “.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Galileus Web