L’India accusa due funzionari dell’ambasciata pakistana di spionaggio e ordina loro di lasciare il paese

“Due funzionari dell’Alta Commissione pakistana a Nuova Delhi sono stati arrestati oggi dalle autorità di polizia indiane per aver partecipato ad attività di spionaggio”, ha dichiarato una dichiarazione del ministero degli Esteri indiano.

La dichiarazione ha aggiunto che i funzionari erano stati dichiarati persona non grata “per aver partecipato ad attività incompatibili con il loro status di membri di una missione diplomatica”. È stato chiesto loro di lasciare il paese entro 24 ore.

Pramod Kushwaha, vice commissario, cellula speciale della polizia di Nuova Delhi L’unità antiterrorismo ha affermato che i due erano “cittadini pakistani” che stavano partecipando a “attività contro l’India quando sono stati arrestati”. Non sono stati forniti ulteriori dettagli per chiarire quali siano le presunte attività.

Il ministero ha anche emesso l’accusa commerciale pakistana con una manifestazione, un messaggio diplomatico formale, esprimendo una forte protesta contro i due funzionari e chiedendo di garantire che “nessun membro della sua missione diplomatica dovrebbe impegnarsi in attività ostili in India o condurre se stesso in in modo incompatibile con il loro status diplomatico “.

Il ministero degli Esteri pakistano a Islamabad ha rapidamente condannato l’espulsione dei diplomatici e ha accusato l’India di violare la Convenzione di Vienna sulle relazioni diplomatiche.

“Due membri del personale dell’Alta Commissione pakistana a Nuova Delhi sono stati sollevati dalle autorità indiane oggi (31 maggio 2020) con accuse false e prive di fondamento”, afferma la nota.

“Condanniamo l’arresto e la tortura, oltre a minacciare e esercitare pressioni su funzionari diplomatici affinché accettino false accuse”.

La dichiarazione non è andata in dettaglio sulla tortura che si sarebbe verificata. Il ministero degli Esteri pakistano ha dichiarato che i due uomini sono stati rilasciati “per intervento dell’Alta Commissione”.

Il ministero degli Esteri del Pakistan ha dichiarato che la decisione di dichiarare le due persone non grata è stata “accompagnata da una campagna mediatica negativa pianificata e precedentemente pianificata, che fa parte della persistente propaganda contro il Pakistan”.

Ha detto che l’inviato indiano è stato convocato e ha lanciato una sua campagna, condannando “accuse infondate indiane”.

Espulsioni faccia a faccia dei diplomatici tra India e Pakistan sono comuni, in particolare quando le tensioni sulla regione contesa di cachemire sono alti o quando ci sono operazioni militari o attacchi militanti.

Il maggiore. Shashi Asthana, un direttore generale in pensione addizionale dell’unità di fanteria dell’esercito indiano, ha detto che i membri dell’ambasciata pakistana “si sono impegnati ripetutamente in attività di spionaggio, questa volta catturati”.

Nel frattempo, l’ufficiale militare pakistano in pensione, il tenente generale Talat Masood, ha affermato che la pratica di espellere i diplomatici si è spostata in una “dimensione più severa”.

“È un momento in cui entrambi i paesi dovrebbero concentrarsi sulla pandemia, sulla crisi interna. Invece, le ostilità si stanno allargando e stanno diventando più regionali”, ha detto.

La mossa arriva mentre le relazioni tra i vicini dell’Asia meridionale con le armi nucleari rimangono tese.

Nell’agosto dello scorso anno, il governo indiano spogliato cachemire della loro autonomia e status speciale, che ha portato il Pakistan a declassare le relazioni diplomatiche e sospendere gli scambi bilaterali con l’India.
I due paesi hanno avuto un controversia di lunga data sul Kashmir da oltre 70 anni.

Lunedì il Pakistan ha tentato di incastrare la misura contro i funzionari dell’Alta Commissione nel tentativo dell’India di distogliere l’attenzione dai problemi politici interni e dalla situazione nel Kashmir.

“I tentativi indiani di inasprire le tensioni non avranno successo”, afferma la dichiarazione del ministero degli Esteri pakistano.

Sophia Saifi della CNN ha riferito da Islamabad, Rishabh Madhavendra Pratap ha riferito da Nuova Delhi e Helen Regan ha scritto da Hong Kong. Vedika Sud ha contribuito alla segnalazione a Nuova Delhi.

Antonia Angelo

Antonia Angelo

Affascinato e curioso di tecnologia e design, sin da bambino ho sempre studiato e guardato il mondo evolversi intorno a me ponendomi sempre nuove domande a cui rispondere. Grazie all'esperienza professionale acquisita negli anni, comunico in modo chiaro e preciso riuscendo a rispondere a specifiche richieste del cliente e / o dell'utente di riferimento. Per me, l'aspetto grafico rappresenta un modo di comunicazione visiva che mira a emozionare. Viaggio spesso per partecipare a corsi o incontri per aggiornarmi, conoscere e confrontarmi / misurarmi con nuove persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *