L’industria delle carte di credito rientra nelle offerte di trasferimento del saldo poiché le banche da JPMorgan ad Amex temono le inadempienze

Le banche si sono ritirate da una popolare promozione della carta di credito per timori che i mutuatari in difficoltà durante la crisi del coronavirus possano lasciarli con prestiti inadempienti.

Le offerte di trasferimento del saldo, che in genere invitano i mutuatari a trasferire il loro debito verso un nuovo prestatore in cambio di un tasso di interesse temporaneo dello 0%, sono state drasticamente ridotte presso le banche tra cui JPMorgan Chase, Citigroup, Bank of America, Barclays e Capital One, secondo le persone con conoscenza della materia in ogni azienda.

American Express ha fatto il passo più drastico, lasciando cadere il prodotto del tutto, secondo un portavoce dell’azienda.

“Al momento non offriamo trasferimenti di saldo su tutti i nostri prodotti di carte”, ha dichiarato American Express in una nota. “Di tanto in tanto, apportiamo modifiche alle nostre offerte per assicurarci di gestire i rischi per i nostri clienti e l’azienda in modo responsabile.”

Quando l’economia era in piena espansione, gli emittenti di carte di credito caddero su se stessi per attirare i mutuatari e il loro debito, inviando centinaia di milioni di richieste senza interessi. Le banche hanno ricavato denaro dalle commissioni di trasferimento, in genere intorno al 3%, e iniziano a guadagnare interessi sul debito dopo il periodo promozionale, che dura in genere da sei mesi a due anni.

Ma le banche sono state bruciate nella recessione del 2008, quando gli utenti dei trasferimenti di bilancio sono falliti ai tassi più alti del settore, secondo le fonti. Alcuni hanno teorizzato che i mutuatari hanno approfittato dei trasferimenti di equilibrio dopo essersi preoccupati della sicurezza del loro lavoro o anche dopo aver perso il lavoro, mettendoli a rischio di inadempienza.

READ  Coronavirus: Primark dice di no a un bonus di mantenimento del lavoro di £ 30 milioni

Ora, i finanziatori sono più selettivi su chi fanno offerte senza interessi, favorendo i clienti con punteggi di credito più alti e altri vantaggi, hanno detto le persone. Più di 40 milioni Gli americani hanno presentato domanda di sussidio di disoccupazione dall’inizio della pandemia.

Allo stesso tempo, l’industria ha offerto a molti mutuatari tolleranza durante la pandemia, rinunciando a commissioni e interessi in ritardo per mesi. Per molti clienti, questi programmi finiranno presto ed è una domanda aperta se riprenderanno a effettuare pagamenti.

L’ironia è che mentre le banche non sono mai state più a filo con i depositi, ricevendo $ 2 trilioni da febbraio, si stanno ritirando dai prestiti che considerano rischiosi nelle loro attività di ipoteca, auto e carte di credito.

La mossa del settore priva i mutuatari di uno dei modi migliori per ridurre il debito delle carte di credito. Se utilizzate correttamente, le carte di trasferimento del saldo possono risparmiare migliaia di dollari in pagamenti di interessi nel tempo.

Janette Scott, una contabile in pensione che vive in Florida, aveva pianificato di utilizzare i trasferimenti di saldo per pagare il debito scolastico di sua figlia. Di recente le otto banche le hanno detto che non le avevano più, ha detto Scott in un’intervista. Solo pochi mesi prima l’avevano inondata di offerte.

“Ho un eccellente merito di credito, sono aggiornato con tutti i miei conti, pagando l’intero saldo ogni mese”, ha detto Scott. “Questo non ha alcun senso per me.”

Benvolio Cavallone

Benvolio Cavallone

Sono molto di più: sono un marketer, uno stratega dei social media, un blogger, un esperto di SEO. In breve, sono il ragazzo che può aiutare la tua azienda ad avere successo nel mercato italiano. Nel 2019 ho aiutato oltre 15 aziende a comunicare efficacemente con le loro prospettive e il pubblico italiano. Tra i miei clienti, posso vantare H&M, Organo Gold, SEGA, Pinnacle, Radison Hotels, Holland Pass e Voyage Privé.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *