L’offesa subirà nella breve stagione della MLB

Tutte le prove necessarie per concordare con l’ex mitigatore degli Yankees Mike Stanton per la visione abbreviata della MLB sono state rafforzate sabato.

Questo è quando Gerrit Cole e Adam Ottavino hanno continuato le loro sessioni di bullpen allo Yankee Stadium in vista della data di riferimento per i “allenamenti primaverili” di mercoledì. Due giorni di test saranno seguiti dal primo allenamento degli Yankees allo stadio venerdì.

“Penso che ciò abbia la possibilità di essere anemicamente offensivo”, ha detto Stanton a The Post sabato scorso dalla sua casa in Texas. “Questo perché i battitori non otterranno le ripetizioni del gioco dal vivo che otterrebbero in un normale allenamento primaverile.”

Cole e Ottavino non sono i soli a organizzare sessioni di bullpen da quando il coronavirus ha chiuso i campi di addestramento di primavera il 12 marzo. Zack Britton e James Paxton hanno continuato a lanciare rispettivamente in Texas e Wisconsin, e Jordan Montgomery ha fatto lo stesso in Carolina del Sud.

Stanton ha un piano su due fronti per preparare contemporaneamente lanciatori e battitori.

Mike Stanton fu uno dei sollevatori di chiavi durante l'ultima dinastia degli Yankees.
Mike Stanton fu uno dei sollevatori di chiavi durante l’ultima dinastia degli Yankees.Anthony J. Causi

“Vorrei che tutti i lanciatori lanciassero pratica di battuta in diretta, 40 tiri. Non voglio intensità di gioco, ma i lanciatori lanciano così tanti tiri nei bullpen “, ha detto Stanton. “I battitori dovrebbero seguire le esercitazioni in battuta dal primo giorno. Vorrei che i battitori vedessero più BP possibile dal vivo.”

Stanton, un allevatore di Yankees dal 1997 al 2002 e di nuovo nel 2005, crede che le abitudini dei lanciatori di oggi durante i periodi di inattività come questa pausa di tre o più mesi non dovrebbero limitare il numero di tiri lanciati nelle prime partite.

READ  Hagia Sophia: il papa 'ha sofferto' mentre il museo di Istanbul ritorna alla moschea

“È una generazione diversa e una mentalità diversa”, ha detto il 53enne Stanton, che ha corso per 19 anni nelle grandi leghe con Braves, Yankees, Red Sox, Mets, Nationals, Giants e Rangers. “In qualche modo hanno lanciato.”

Stanton suggerisce di non esagerare nella prima settimana di allenamento primaverile 2 per evitare infortuni. Ma dopo ciò, l’attenzione dovrebbe essere sulla costruzione di resistenza e sul conteggio delle tonalità.

“Gli ultimi 10 giorni lo hanno lasciato libero. Penso che un avviatore dovrebbe essere in grado di lanciare 90 [pitches]”, Ha detto Stanton.

Interessante come Matt Blake, l’allenatore del primo anno degli Yankees, mapperà il carico di lavoro dei suoi avviatori tra venerdì e la prima partita se la pandemia di COVID-19 lo consentirà, il 23 luglio contro il campione del mondo in carica Nationals a Washington, sarà interessante e probabilmente cauto.

Cole, che avrebbe iniziato la Giornata di apertura contro gli Orioles a Baltimora e la scelta ovvia di Aaron Boone contro i Nazionali, ha lanciato 55 tiri nel suo quarto allenamento di primavera il 10 marzo. Con due altre uscite di primavera ancora, Cole avrebbe probabilmente aumentato il conteggio dei tiri nel primo di circa 15 ma un sacco di allenatori di pitching accorciano il conteggio di lancio di un antipasto nella gita finale.

Tuttavia, prima arriva qualcosa che il baseball non ha mai visto prima: test approfonditi per un virus.

I giocatori e i membri dello staff di Yankees passeranno due giorni di severi screening e test medici prima di entrare nello stadio lunedì e martedì.

Le squadre hanno tempo fino alle 16:00 Domenica per presentare un elenco di 60 uomini. Probabilmente da includere sono le migliori prospettive di lancio Clarke Schmidt e Deivi Garcia che non fanno parte del registro di 40 uomini. Senza partite di campionato minori, è un’opportunità per fornire un programma strutturato e la possibilità di far parte di una squadra di taxi.

READ  Hagia Sophia: il papa 'ha sofferto' mentre il museo di Istanbul ritorna alla moschea

Camila

Camila

Affascinato e curioso di tecnologia e design, sin da bambino ho sempre studiato e guardato il mondo evolversi intorno a me ponendomi sempre nuove domande a cui rispondere. Grazie all'esperienza professionale acquisita negli anni, comunico in modo chiaro e preciso riuscendo a rispondere a specifiche richieste del cliente e / o dell'utente di riferimento. Per me, l'aspetto grafico rappresenta un modo di comunicazione visiva che mira a emozionare. Viaggio spesso per partecipare a corsi o incontri per aggiornarmi, conoscere e confrontarmi / misurarmi con nuove persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *