Massacro di Piazza Tiananmen: Hong Kong celebra forse il suo anniversario per l’ultima volta

“È stato un momento di speranza”, ha dichiarato Lee Cheuk-yan, un attivista veterano ed ex legislatore di Hong Kong. All’epoca, la città aveva otto anni per passare dal controllo britannico a quello cinese e aveva la sensazione che i giovani manifestanti oltre confine potessero cambiare la Cina in meglio.

“Per molte persone di Hong Kong, riteniamo che il 1997 fosse davvero sulla nostra testa. Ma i giovani in Cina hanno chiesto la democrazia e pensiamo che se avranno successo, significa che Hong Kong non dovrà vivere sotto un regime autoritario”.

Tuttavia, quella speranza si è trasformata in disperazione quando l’esercito popolare di liberazione ha schiacciato le proteste il 4 giugno. Nessun bilancio ufficiale delle vittime è stato rilasciato, ma gruppi di diritti stimano che centinaia, se non migliaia, siano state uccise. Le proteste e la repressione di Tiananmen sono state cancellate dai libri di storia in Cina, censurate e controllate, gli organizzatori esiliati o arrestati e i parenti del defunto sono stati tenuti sotto stretta sorveglianza.

Lunedi, La polizia ha respinto il permesso per la manifestazione di quest’anno, citando le restrizioni in corso sulle riunioni di massa relative alla pandemia di coronavirus. Per molti nell’opposizione democratica, la giustificazione sembra vuota: gli organizzatori avevano affermato che avrebbero collaborato con le autorità per garantire una concentrazione sicura e socialmente distante, e nel frattempo i quartieri degli affari della città, le metropolitane e i parchi pubblici sono stati aperti per settimane con pochissimo. guaio.

Parlando con i giornalisti dopo l’annuncio del divieto, Lee ha detto che la polizia stava “reprimendo la nostra veglia sul pretesto di far rispettare il divieto sulla riunione”.

La decisione della polizia ha un peso extra, come molti già temevano questa settimana potrebbe essere l’ultima possibilità per celebrare liberamente l’anniversario. Il mese scorso, la Cina ha annunciato che avrebbe imposto una legge sulla sicurezza nazionale a Hong Kong, in risposta ai disordini antigovernativi diffusi e spesso violenti dell’anno scorso.

La legge penalizza la secessione, la sedizione e la sovversione. Consente inoltre ai servizi di sicurezza cinesi di operare per la prima volta a Hong Kong, suscitando timore tra i molti in città che i membri dell’EPL possano essere schierati per strada se le proteste riprendessero.

Né è l’unica legge controversa all’orizzonte. Giovedì, i legislatori di Hong Kong hanno ripreso la terza lettura di a fattura che criminalizzerà l’insulto dell’inno nazionale cinese, “Marcia dei volontari”.
L’Alleanza di Hong Kong a sostegno dei movimenti democratici patriottici in Cina, il gruppo co-fondato da Lee che organizza la Veglia Tiananmen ogni anno dal 1990, ha avvertito che potrebbe essere vietato in base alla legge sulla sicurezza nazionale, rilevando il suo precedente sostegno agli attivisti condannati in base a leggi sulla sicurezza nazionale simili in Cina e una lunga opposizione alla “dittatura a partito unico”.
Vi sono buone ragioni per credere che la veglia potrebbe essere vietata in futuro. Il mese scorso, CY Leung, ex direttore esecutivo della città e membro senior di un organo consultivo del governo cinese, previsto così tanto, mentre una commemorazione nella vicina Macao, che ha già una legge di sicurezza nazionale sui libri, anche stato bloccato dalle autorità.
Giovedì la polizia ribadito Avevano rifiutato il permesso per due incontri il 4 giugno, uno sull’isola di Hong Kong e uno a Kowloon, e avevano avvertito il pubblico “di rimanere a casa ed evitare di recarsi in luoghi affollati o di partecipare a riunioni proibite”.
Secondo il South China Morning Post, circa 3.000 poliziotti antisommossa saranno dispiegati in tutta la città giovedì, anche come organizzatori del raduno di Tiananmen sollecitato la polizia stai lontano, dicendo che senza di loro presenti “non ci saranno scontri”.

Momento storico

Tiananmen ebbe un effetto indelebile sulla politica di Hong Kong. Le proteste sono state organizzate in solidarietà con i manifestanti democratici prima del massacro e molti attivisti della città hanno viaggiato verso nord per offrire assistenza e sostegno.

Dopo la repressione “Operazione Yellow Bird“Ha aiutato a contrabbandare manifestanti da Pechino e altri a rischio di arresto in città, anche allora nel territorio britannico. Secondo l’Alleanza di Hong Kong, circa 500 persone sono state attirate dalla Cina, compresi leader di protesta studenteschi Wu’er Kaixi, che ha discusso del famoso primo ministro cinese Li Peng al culmine delle proteste.
Negli anni successivi alla repressione, aumentarono le pressioni sugli inglesi affinché facessero di più per proteggere Hong Kong sotto l’imminente governo cinese, e nel 1994 il governatore Chris Patten fece elezioni al parlamento comunale Completamente democratico per la prima volta, una mossa non approvata da Londra e irritata a Pechino.
Il Consiglio legislativo eletto l’anno successivo fu la prima e unica volta in cui il Parlamento ebbe una maggioranza democratica. Si è dissolto e sostituito da un organismo designato a Pechino non appena il controllo cinese sulla città ha preso piede.

Negli otto anni successivi a Tiananmen, centinaia di migliaia di persone di Hong Kong si trasferirono all’estero, anche se molti tornarono poco dopo la consegna dopo che un temuto giro di vite non si materializzò e la città conobbe un boom economico sotto i suoi nuovi sovrani. Tuttavia, la maggior parte dei rimpatriati arrivava con passaporti stranieri nelle loro tasche posteriori, pronti a fuggire di nuovo se le cose avessero preso una piega negativa.

Un nuovo esodo potrebbe essere all’orizzonte grazie alla nuova legge sulla sicurezza nazionale. In seguito all’annuncio della Cina, il Regno Unito si è trasferito a estendere alcuni diritti per i titolari di passaporto nazionale britannico (oltremare), di cui ci sono circa 300.000 a Hong Kong e fino a 3 milioni di cittadini nati in città prima del 1997 che possono presentare domanda. London ha affermato che se la legge andrà avanti, ai titolari di BNO verrà concesso un soggiorno di 12 mesi nel Regno Unito, a partire da 6 mesi, dando loro un potenziale percorso per la cittadinanza britannica.

Cosa succede dopo?

In due decenni di dominio cinese, il memoriale di Tiananmen è sempre stato qualcosa che contraddistingue Hong Kong, una cartina di tornasole per determinare se le libertà e l’autonomia della città fossero ancora protette.

È stato anche una sorta di incubatore di talenti politici, spesso essendo tra le prime manifestazioni a cui hanno partecipato molte persone di Hong Kong. Molti attivisti, tra cui l’ex leader del Movimento degli ombrelli Nathan Law e Joshua Wong, hanno parlato dell’effetto del memoriale del 4 giugno sul loro risveglio politico.

L’anno scorso, la leader della città Carrie Lam appuntito alla manifestazione annuale come prova che “Hong Kong è una società molto libera”.

“Se ci sono incontri pubblici per esprimere le loro opinioni e sentimenti su un particolare incidente storico, rispettiamo pienamente tali punti di vista”, ha detto.

Alla domanda di questa settimana se l’incontro sarebbe stato proibito in base alla nuova legge sulla sicurezza nazionale, Lam ha detto: “Non abbiamo redatto la legge in questo momento. Possiamo gestirla in seguito”.

Funzionari di Hong Kong hanno insistito che le preoccupazioni sulla legislazione sono esagerate e che i nuovi crimini di sedizione, sovversione e secessione si applicheranno solo a una manciata di persone, anche se ammettono di essere anche nel buio dei piani di Pechino.

In una dichiarazione sulla legge della scorsa settimana, l’Alleanza di Hong Kong ha avvertito che era “come un coltello al collo di tutto il popolo di Hong Kong”.

“Anche se ne taglia solo alcuni, minaccia la libertà dei 7 milioni”, ha detto il gruppo. “È l’attuazione della regola per paura a Hong Kong”.

Per ora, stanno ancora sfidando quella paura, anche se le restrizioni del coronavirus hanno contrastato i piani per una manifestazione di massa. Incontri più piccoli si terranno in tutta la città e l’Alleanza ha chiamato tutti i residenti Accendi candele alle 20:00, tenendole fuori dalle finestre per ricreare il mare di luce che è diventato un’immagine comune della veglia annuale al Victoria Park.
“Hong Kongers sarà in grado di celebrare la vigilia il prossimo anno? Un anno è un’eternità in politica e le previsioni sono pericolose”, ha scritto l’accademico cinese Jerome Cohen. questa settimana. Tuttavia, a meno che non ci sia un cambiamento inatteso nella leadership a Pechino, sembra sicuramente probabile, soprattutto alla luce dell’imminente (legge sulla sicurezza nazionale), che Hong Kong possa seguire Macao soccombendo all’amnesia che è stata costretta per lungo tempo nel continente “.

Chermaine Lee della CNN ha contribuito alla segnalazione.

Antonia Angelo

Antonia Angelo

Affascinato e curioso di tecnologia e design, sin da bambino ho sempre studiato e guardato il mondo evolversi intorno a me ponendomi sempre nuove domande a cui rispondere. Grazie all'esperienza professionale acquisita negli anni, comunico in modo chiaro e preciso riuscendo a rispondere a specifiche richieste del cliente e / o dell'utente di riferimento. Per me, l'aspetto grafico rappresenta un modo di comunicazione visiva che mira a emozionare. Viaggio spesso per partecipare a corsi o incontri per aggiornarmi, conoscere e confrontarmi / misurarmi con nuove persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *