Mireille Knoll: uomini sospettati dell’omicidio di un sopravvissuto dell’Olocausto andranno sotto processo a Parigi

Mireille Knoll è stata trovata morta nel suo appartamento di Parigi nel 2018. In un attacco che ha oltraggiato il paese, l’85enne è stata accoltellata 11 volte e la sua casa è stata incendiata.

Le accuse per tre accuse sono state confermate il 10 luglio dai magistrati esaminatori, ha affermato la procura.

Gli uomini sono accusati di “l’omicidio di una persona vulnerabile commesso a causa della religione della vittima vera o presunta”, nonché di “furto aggravato” e “degrado con mezzi pericolosi per le persone”, ha detto l’ufficio.

Un sospettato era il vicino di Knoll, che aveva 27 anni al momento della pugnalata. In precedenza era stato incarcerato per aver aggredito sessualmente la figlia dell’aiutante domestico di Knoll, secondo quanto riferito da una fonte giudiziaria alla CNN nel 2018.

Il secondo sospettato era un senzatetto, che aveva 21 anni al momento dell’omicidio.

La coppia sostiene di essere innocente, riferisce AFP.

Una terza persona è stata anche incriminata in relazione al caso, con l’accusa di “distruggere un documento o un oggetto relativo a un reato o reato al fine di impedire l’accertamento della verità”. Quella persona è sotto controllo giudiziario, ha affermato la procura.

Fuggì da una retata nazista

“In questo caso, finalmente giustizia. E nient’altro”, ha scritto William Goldnadel, avvocato della famiglia Knoll, su Twitter lunedì.

“Stavamo aspettando con impazienza una simile reazione da parte del sistema giudiziario in merito all’accusa finale”, ha dichiarato lunedì Alain Knoll, il figlio della vittima, l’affiliata della CNN BFMTV.

“Siamo molto soddisfatti dell’andamento delle cose, del fatto che ci sarà un giudizio, del fatto che la doppia circostanza aggravante dell’antisemitismo è stata mantenuta”.

Secondo il legislatore Meyer Habib, Knoll fuggì dal Vel ‘d’Hiv’ Roundup nel 1942, che fu ordinato dagli occupanti nazisti e provocò l’arresto di massa di 13.000 ebrei francesi.

I detenuti sono stati trattenuti sulla pista ciclabile Vel ‘d’Hiv a Parigi prima che migliaia fossero deportati nel campo di concentramento di Auschwitz nella Polonia occupata dai nazisti.

Sua morte nel 2018 è stato denunciato da personaggi politici e organizzazioni ebraiche in tutta la Francia.

Il presidente francese Emmanuel Macron ha descritto la sua uccisione come un “terribile crimine” su Twitter. Nei suoi commenti ha anche ribadito la sua “assoluta determinazione a combattere l’antisemitismo”.

L’ex ministro degli Interni Christophe Castaner ha dichiarato a gennaio che nel 2019 in Francia sono stati registrati 687 episodi antisemiti rispetto ai 541 del 2018, con un aumento del 27%.

Angelo Narcisi

Angelo Narcisi

Multilingue e multitasker. Amante Agile. Giocoliere digitale. Giocatore di squadra. Completamente impegnato con il re (contenuto). Felice musicista e viaggiatore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *