Monticello: la casa d’ispirazione italiana di Thomas Jefferson

Monticello – La casa d’ispirazione italiana di Thomas Jefferson

Thomas Jefferson, autore della Dichiarazione di Indipendenza e uno dei padri fondatori degli ideali e dei principi degli Stati Uniti, era conosciuto come un grande pensatore, archeologo, autore, inventore, orticoltore e statista. Uomo mondano che viaggiava spesso durante la sua vita, Jefferson era un gentiluomo di grande gusto nel design classico e nell’architettura. Monticello, la sua casa in Virginia da oltre 50 anni, testimonia l’amore di Jefferson per lo stile italiano e tutto ciò che è italiano.

Il design di Jefferson per Monticello è stato ispirato dallo stile classico di 16esimo architettura palladiana del secolo, originata da Andrea Palladio; lo stile arrivò a caratterizzare molte delle ville del nord Italia. Palladio era famoso in tutta Europa, ma la maggior parte delle colonie conosceva poco del suo lavoro nella regione veneta d’Italia due secoli prima.

Fu attraverso la sua lettura e gli studi che Jefferson acquisì familiarità con lo stile palladiano. Ha chiamato la sua serie di quattro libri dall’architetto “la Bibbia”. Il suo intento non era quello di essere sacrilego. I Quattro Libri dell ‘Architettura rappresenta uno dei trattati più influenti sull’architettura mai scritti.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Durante la sua vita, Jefferson possedette sette edizioni di Palladio. Nella sua prima versione di Monticello completata intorno al 1772, basò il suo progetto su un’interpretazione di Villa Cornaro del Palladio. Situata nel villaggio di Piombino Dese a circa 29 km da Venezia, Villa Cornaro è un capolavoro del medio periodo del Palladio e ha influenzato l’architettura occidentale per secoli. I portici a due livelli e le ali del tetto a padiglione divennero una caratteristica ricorrente nell’architettura georgiana e coloniale americana durante il 18esimo secolo.

Jefferson era molto preoccupato per l’architettura domestica dello Stato della Virginia. Scrivendo delle dimore di legno dello Stato dichiarò: “È impossibile escogitare cose più brutte, scomode e fortunatamente più deperibili”. Con questa prima versione di Monticello, Jefferson era determinato a presentare un modello per l’uso degli ordini classici. Secondo Jefferson, ogni rispettabile lavoro di architettura doveva fare un uso corretto del vocabolario architettonico classico. Invece è stata La Rotonda situata fuori Vicenza che Jefferson ha basato Monticello. Dire che ammirava la struttura è un eufemismo. Jefferson ha anche presentato anonimamente la propria versione di una casa Rotonda nel concorso di design per la residenza ufficiale del Presidente degli Stati Uniti.

Dopo aver progettato una casa a due piani in cui poteva vivere e lavorare, la costruzione di Monticello di Jefferson iniziò nel 1768. La parola monticello significa piccola montagna in italiano e appropriatamente, la casa è situata sulla cima di un picco di 850 piedi nelle montagne del sud-ovest della Virginia. Monticello è spesso descritto come un’autobiografia di Jefferson, che ha progettato lui stesso l’intera proprietà di 5.000 acri. I suoi giardini non erano altro che un laboratorio botanico che conteneva piante ornamentali, fiori, alberi da frutto e ortaggi provenienti da tutto il mondo.

Tra le piantagioni della sua vasta tenuta c’erano agrumeti e gelso esotici, ispirati agli alberi da frutto della penisola italiana. Tra i fiori originariamente piantati nel giardino c’erano i fiori di Marco Aurelio e della Dea romana. Jefferson ha dato i nomi alle piante, in base alle etichette sui semi che aveva riportato dall’Italia. Solo più tardi si rese conto che erano i nomi delle aziende produttrici di sementi, non delle piante. Tuttavia, gli piacevano ancora i nomi in stile italiano che aveva dato alle piantagioni. Jefferson coltivò anche colture italiane tra cui mandorle, melograni e uva da vino, che coltivò con cura nei vasti vigneti di Monticello.

La somiglianza tra il fronte ovest di Monticello e La Rotondo è sorprendente. Sebbene Jefferson abbia optato per la costruzione in mattoni, presenta gli elementi caratteristici dei progetti di Palladio tra cui un portico, maestose colonne ioniche e doriche, finestre dal pavimento al soffitto e una cupola ottagonale che Jefferson riportò in Virginia da Roma.

Entrando a Monticello, i visitatori sono immediatamente bloccati dalla spaziosa area aperta. Ha servito come area di accoglienza per i molti ospiti importanti che sono venuti per rendere omaggio al diplomatico e poi al Presidente. La sala presenta ricreazioni di fregi del tempio romano di Antonino e Faustina. Sul soffitto è una piastra del vento che è collegata a una banderuola progettata da Jefferson. La stanza è decorata con busti di uomini ammirati da Jefferson e trofei americani e montati.

Il suo spazio più personale era senza dubbio la biblioteca. Jefferson ha scelto un design toscano per la stanza ed è qui che ha trascorso la maggior parte del suo tempo. La sua collezione, per un totale di oltre 6.700 volumi di libri, fu acquistata dal governo degli Stati Uniti nel 1815 e costituì il nucleo della Biblioteca del Congresso.

Il salotto di Jefferson era una sala impressionante progettata secondo la tradizione corinzia romana, evidente nel design della porta. Con un fregio del Tempio di Giove e opere d’arte italiane tra cui un ritratto di Cristoforo Colombo, Jefferson ha usato questa bellissima sala per ospitare feste di famiglia e piccole feste.

La cucina della tenuta non si trovava nella casa principale ma in uno dei tanti annessi di Monticello. Secondo gli storici, era la cucina meglio attrezzata della Virginia durante la vita di Jefferson. Il patriota americano trascorse molto tempo qui, lavorando con utensili da cucina made in Italy e cuocendo il pane nel forno in mattoni in stile italiano. Una ricetta di pasta è appesa al muro, scritta da Jefferson, che ha fatto la sua pasta con una macchina a manovella che ha disegnato da solo.

La casa dell’ex presidente fu trasferita a sua figlia Martha alla sua morte nel 1826. Le difficoltà finanziarie la costrinsero infine a vendere questo punto di riferimento nazionale, che fu abitato da diverse importanti famiglie americane fino a quando non fu acquistato dalla Thomas Jefferson Foundation nel 1923. Da allora , Monticello è stato gestito come un museo e un’istituzione educativa che è aperta al pubblico. Nel 1987, la casa di Jefferson è stata nominata Patrimonio dell’Umanità. Monticello è stato il primo ed è tuttora l’unica casa privata negli Stati Uniti a guadagnare questa designazione.




Antonia Angelo

Antonia Angelo

Affascinato e curioso di tecnologia e design, sin da bambino ho sempre studiato e guardato il mondo evolversi intorno a me ponendomi sempre nuove domande a cui rispondere. Grazie all'esperienza professionale acquisita negli anni, comunico in modo chiaro e preciso riuscendo a rispondere a specifiche richieste del cliente e / o dell'utente di riferimento. Per me, l'aspetto grafico rappresenta un modo di comunicazione visiva che mira a emozionare. Viaggio spesso per partecipare a corsi o incontri per aggiornarmi, conoscere e confrontarmi / misurarmi con nuove persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *