MotoGP, Rossi: “Jarvis a Tavullia per licenziarmi, l’ho convinto a tenermi”

Valentino Rossi ha lo stesso sguardo sorridente di un pilota che ha firmato il suo primo contratto MotoGP, l’unica differenza è che questa mattina si è iscritto per correre quella che sarà la sua 22esima stagione nella classe regina. Nel 2000 debutta in 500 con una squadra satellite e il prossimo anno sarà come chiudere il cerchio, vestendo i colori della Petronas.

Sono molto orgoglioso di questa decisione, volevo continuare a correre – lui dice – Quest’anno il mio piano era di capire se ero ancora competitivo ma è andata diversamente. Sono nel team ufficiale da molto tempo, dal 2004, ma questo passo è positivo per me e devo ringraziare Lin Jarvis e Yamaha per il supporto diretto. Alla fine non cambierà molto, solo i colori della moto, Petronas è una squadra di alto livello che ha già ottenuto risultati importanti “.

Come è nata questa decisione?

In una situazione normale avrei chiesto alla Yamaha di aspettare la gara del Mugello, perché l’anno scorso mi sono trovata spesso in difficoltà, non mi sentivo bene sulla moto, non ero abbastanza veloce per stare al top. Alla mia età ti fai alcune domande, soprattutto quando vedi che hai 7 anni in più del secondo pilota più anziano (cavalcata). ioinizi a pensare che forse è ora di restare a casa. Ma nel mio cuore sapevo che non era così. Certo, non è come 10 anni fa quando vincevo 10 gare a stagione, ma se stai bene fisicamente sono le motivazioni che fanno la differenza. Proprio per questo avevo deciso di cambiare caposquadra“.

Ma poi hai scoperto che non ci sarebbe stato più posto per te nel team ufficiale.

Un giorno Lin mi ha chiamato e mi ha detto che doveva venire a Tavullia per parlarmi, ho capito che non era una buona notizia. Dico sempre che è venuto a licenziarmi (cavalcata). Me l’aspettavo, Quartararo l’anno scorso ha ottenuto risultati incredibili e ho capito che sarebbe stato difficile per me mantenere la posizione. Quindi Lin mi ha dato la notizia e io ho risposto subito che la Yamaha avrebbe dovuto fare un terzo molto ufficiale, gli ho messo un po ‘di pressione e lui ha detto di sì.. Abbiamo iniziato subito a lavorare a questo progetto“.

Avrai Morbidelli al tuo fianco.

Sarà bello stare con Franco, nessuno ci avrebbe creduto se ce l’avessero detto solo 5 anni fa. Sono felice di poter lavorare con lui e migliorare noi stessi “.

Come fai ad avere ancora questo entusiasmo a 41 anni?

“Forse può essere una lezione per altri piloti, la prova che puoi continuare a correre in MotoGP per molto tempo. Mi piace ancora stare qui, questa è la mia vita. La passione per le moto è nata in me quando avevo 2 anni ed è sempre la stessa, è questo che fa la differenza. Mio papà Graziano mi ha messo in moto da giovanissimo, non era normale a quei tempi, credo di essere stato il primo della generazione di piloti che ha iniziato molto presto. Penso che Graziano si sia divertito a vedere quali disastri potevo creare (ride). Adesso, in MotoGP, c’è molta pressione, devi condurre una vita da atleta e non è facile ma continuo a sentire quel gusto particolare quando salgo in sella, sono felice. Quando perdi quella sensazione tutto diventa più difficile“.

Allora perché hai impiegato così tanto tempo per firmare?

mi stavo divertendo (cavalcata). In verità non avevamo fretta, ho detto a Jerez che avrei corso al 99% con Petronas nel 2021, si sono fatte cose per me ma c’erano tante cose da sistemare in un contratto tra tre parti “.

Non sarà strano essere in una squadra diversa con persone diverse?

NNon mi preoccupa, prima di tutto perché il cuore della mia squadra sarà lo stesso, con Munoz e Flamigni. Sfortunatamente, Alex e Brent non ci saranno e sono triste per questo, ma non è stato possibile portarli con me. Poi conosco bene tante persone che lavorano in Petronas: Zeelenberg era nel team ufficiale Yamaha, con Stigefelt ho corso insieme nell’Europeo del 1994 e Roger, che si occupa della logistica, era con me ai tempi della Honda. Sarà come essere a casa “.

A proposito di team, quando entrerà in MotoGP la VR46, magari con la Yamaha?

Ho già parlato con Jarvis delle bici, perché no? Ma prima dovremo decidere se entrare in MotoGP, forse ci sarà una possibilità nel 2022, ma sarebbe un grande passo. Vedremo”.

Come ti sentirai in una squadra satellite?

Sarà come nella 500 al Nastro Azzurro, squadra satellite con moto ufficiale. Mi hanno detto che ero l’unico ad aver vinto un titolo nella classe regina in una squadra satellite, vuol dire che ci riproverò il prossimo anno (cavalcata)”.

Nel frattempo, sei tornato in prima fila a Barcellona.

È stato un buon sabato, da ieri mi sentivo bene, subito competitivo, e oggi ho migliorato la moto e guidando ancora di più. Nelle FP4 ho tenuto un buon ritmo e in qualifica sono riuscito a dare il massimo senza sbagliare “.

Cosa ti aspetti dalla gara?

La scelta delle gomme sarà molto importante, lo farò domani dopo il warm up, sperando che stasera non piova. La morbida è migliore all’inizio della gara, ma la media garantisce una maggiore costanza. Vedremo“.

Barbara Matro

Barbara Matro

Linguista esperto e professionista della comunicazione con esperienza pluriennale lavorando su progetti di copywriting, transcreation, implementazione creativa e localizzazione per una vasta gamma di clienti e agenzie globali. Pensatore creativo, creativo e comprovata esperienza di lavoro sotto pressione con scadenze strette per soddisfare le aspettative del cliente e superarle. Spinto dallo spirito imprenditoriale, dallo scopo e dalla mentalità creativa per anticipare le esigenze del cliente e elaborare strategie personalizzate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *