Notizie false dalla NEA

Notizie false dalla NEA

Sono ancora una volta inorridito dall’insistenza dei revisionisti di storia liberale di screditare Cristoforo Colombo. Alla sua Convenzione nazionale del 2019, la National Education Association (NEA) ha approvato una risoluzione per far sì che il Columbus Day venga ribattezzato Giornata dei popoli indigeni, affermando: “Come associazione educativa, riconoscere, osservare e celebrare la storia dei fatti è importante per mantenere la nostra integrità accademica”.

Mi sembra che il compito della NEA sia insegnare la verità, non solo ciò che è politicamente corretto. Le distorsioni della storia si ingrandiscono quando viene mostrata solo una parte dell’immagine e come è stato affermato molte volte in precedenza, è idiota applicare un 21st standard secolo di correttezza politica rispetto agli eventi di 50 anni fa, figuriamoci 500 cento anni fa e ogni anno c’è un altro colpo di prua quando si tratta del Grande Navigatore.

Quando Colombo aprì la porta del Nuovo Mondo, gli indigeni che abitavano le isole su cui era sbarcato non erano filosofi amanti della pace che furono invasi dai selvaggi europei. Il livello di civiltà misurato con le culture europee in effetti non si è registrato. Era un mondo in cui il potere veniva esercitato principalmente a livello tribale, dove l’opposizione significava morte o schiavitù. Anche se qualcuno faceva parte della tribù dominante, un cattivo raccolto, maltempo o un cattivo presagio potrebbero segnalare la morte sotto forma di sacrificio umano. Sembra che i revisionisti storici di oggi non si preoccupino di questi fatti spiacevoli. No, ai loro occhi Colombo, uno degli uomini più onorati della storia, ora deve essere insultato perché ha distrutto personalmente il paradiso che esisteva in tutto il Nuovo Mondo, mentre uccideva i nativi a decine di migliaia, mentre schiavizzava entrambi i continenti, ponendo sotto il giogo degli imperialisti che avrebbero abusato e saccheggiato la terra senza sosta, per i secoli a venire.

Qualcuno crede davvero a queste sciocchezze? Sfortunatamente, se ciò viene insegnato nelle scuole, sono i nostri figli e nipoti che avranno questa visione completamente fuorviante forzata su di loro. Questo è un affronto diretto a tutti i membri del patrimonio italiano e dovrebbe essere un affronto a chiunque abbia anche la minima comprensione della storia. Con Columbus accusato di aver distrutto la civiltà di un popolo (non avendo mai messo piede sulla loro terra), mi chiedo quali altre “notizie false” stanno diffondendo la NEA.

Il contributo che Colombo diede al mondo è stato più ampio dell’oceano che ha attraversato e più profondo delle sue acque. Come uomo di fede e ardente credente nella volontà e nelle leggi di Dio, Colombo credeva che tutte le persone, compresi gli indigeni che incontrava, dovevano vivere nella grazia del Signore. Non c’è dubbio che abbia voluto diffondere la parola di Dio e in questo ruolo, ha forzato le sue opinioni sugli indigeni, mentre vietava gli abbellimenti culturali tradizionali, come il cannibalismo. La maggior parte non lo considererebbe una cosa negativa. Tuttavia, l’ampiezza delle atrocità di cui Colombo è ora convenientemente accusato ha un unico scopo: dare un volto e un nome a tutto ciò che è risultato dalla colonizzazione europea delle Americhe. È come se fosse necessario trovare un capro espiatorio e Colombo è diventato quell’uomo.

Sono arrabbiato ogni volta che sento parlare di una nuova denigrazione di Colombo o di un’iniziativa volta a rinominare il Columbus Day come festa degli indigeni. Non è solo mirato a una distorsione dei fatti, è uno schiaffo di fronte a tutti gli italoamericani, ai loro antenati e ad essere perfettamente franco, quello degli Stati Uniti d’America stessi. L’ultima volta che ho guardato, l’America non era perfetta, né lo è mai stata. È popolato da persone e quindi avrà sempre difetti, ma è un paese del popolo. Le libertà di cui godiamo e che molti hanno dato la propria vita per proteggere possono essere suscettibili di abusi. La libertà che consente alla NEA di esistere in primo luogo sta ora svolgendo un lavoro storico di ascia di guerra. È chiaro a tutti coloro che si preoccupano di esaminare la loro politica che vogliono appendere un’etichetta di disgrazia e Columbus è l’obiettivo più conveniente.

Questa situazione non andrà via a meno che non ci siano quelli che scelgono di combattere contro la visione populista liberale distorta a livello e su un terreno giusto. Non vuoi essere la persona che è delicata su questo problema. Non vuoi essere quello che permette che si verifichi la riscrittura della storia e che l’orgogliosa eredità degli italoamericani sia così diffamata. Come gruppo, gli italoamericani sono fieramente orgogliosi della nostra eredità, ma a volte non siamo abbastanza vocali quando vengono abusati. Facciamo beffe di quelli che sappiamo essere sciocchi e ficcanaso. Ci chiediamo silenziosamente come si possa essere accolti da un tale scherzo. Resta il fatto che se questa svolta verrà perpetuata nelle scuole, avrà un effetto debilitante e a lungo termine sulla nostra giovinezza. Rabbrividisco nel pensare alle conseguenze per la nostra grande nazione se permettiamo agli “scrittori” della storia revisionista di plasmare il nucleo della nostra giovinezza. Il miglior consiglio che posso offrire è: non rimanere in silenzio!




Antonia Angelo

Antonia Angelo

Affascinato e curioso di tecnologia e design, sin da bambino ho sempre studiato e guardato il mondo evolversi intorno a me ponendomi sempre nuove domande a cui rispondere. Grazie all'esperienza professionale acquisita negli anni, comunico in modo chiaro e preciso riuscendo a rispondere a specifiche richieste del cliente e / o dell'utente di riferimento. Per me, l'aspetto grafico rappresenta un modo di comunicazione visiva che mira a emozionare. Viaggio spesso per partecipare a corsi o incontri per aggiornarmi, conoscere e confrontarmi / misurarmi con nuove persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *