Obama attacca Trump durante l’ultimo addio a John Lewis: “C’è chi vuole scoraggiarci dal voto”

L’ULTIMO equipaggiamento di John Lewis finì dove tutto ebbe inizio: di fronte all’altare della chiesa battista Ebenezer di Atlanta, la chiesa evangelica di mattoni rossi nel cuore del centro cittadino, su quel parco nazionale di Auburn Street oggi, dove cresceva il sogno di Martin Luther King. Ci sono voluti sei giorni per portare qui i resti dell’ultima grande icona dei diritti civili, che è morta di cancro il 17 luglio. Il funerale di oggi, tuttavia, è stato solo il culmine delle cerimonie che hanno visto la sua bara avvolta dalla bandiera a stelle e strisce attraversare l’America.

Da Troia, in Alabama, dove è nato nel 1940 nel sud violento e razzista, fino a quando ha attraversato il ponte Edmund Pettus per l’ultima volta – a cui qualcuno ora vuole dare il suo nome – ha viaggiato nel 1965 insieme al reverendo King durante quella marcia del Selma rivendica il diritto di voto nero. L’ultima tappa è stata il Campidoglio di Washington, il primo legislatore afroamericano a ricevere un tale onore.
80 deputati della campana accolgono il deputato che ha rappresentato il quinto distretto della Georgia al Congresso (quello in cui si trova la chiesa) per 33 anni: uno per ogni anno della sua eroica vita. Insieme a tre presidenti: George W. Bush, Bill Clinton e Barack Obama. Jimmy Carter, troppo vecchio per viaggiare, ha inviato un messaggio: “Giovanni ha lasciato un segno indelebile nella storia di questa nazione”. Manca solo Donald Trump. Dopo essersi limitato a un tweet laconico il giorno della sua morte, non ha onorato per molto tempo il deputato, il suo fermo avversario.

READ  Bielorussia, rilasciati oltre mille manifestanti: denunciati maltrattamenti in carcere. Merkel e Von der Leyen chiedono sanzioni

rappresentante

Mescolato con la piccola folla che segue la funzione indossando la maschera e mantenendo le distanze, c’è l’oratore della Camera Nancy Pelosi. Insieme al sindaco di Atlanta Bottoni della lancia di Keisha, uno dei deputati alla vice presidenza. «Sono giorni difficili per dire addio a chi amiamo. Non potevamo entrare tutti qui e ho chiesto a molti di restare a casa. Manteniamo le distanze. Uniti dagli stessi principi »il reverendo Raphael Warnock sospira, aprendo la cerimonia imbrigliata con abiti sacri con brillanti disegni africani.

rappresentante

«Credeva nella legge, nell’umanità, in America. Ha messo l’amore invece di odio e paura. L’America in cui ha creduto e per la quale ha combattuto è la mia America “evoca George W. Bush, facendo ridere tutti ricordando la sua prima battaglia non violenta:” Quello per l’emancipazione delle sue galline. Quando boicottò il pranzo della domenica e organizzò gloriosi funerali per loro. “

Bill Clinton subito dopo non perde occasione per lanciare una freccia non troppo velata contro Donald Trump, che poche ore prima aveva insinuato di voler rimandare il voto di novembre. E strappa gli applausi quando ricorda come Lewis, a soli 20 anni, abbia perso la guida degli studenti non violenti, sconfitto da un attivista più aggressivo, Stokely Carmichael e ricominciato, più maturo di prima: «Siamo qui oggi anche perché John aveva il personaggio che ha mostrato la sua prima elezione perdendo così giovane ».

READ  Bielorussia, rilasciati oltre mille manifestanti: denunciati maltrattamenti in carcere. Merkel e Von der Leyen chiedono sanzioni

Quando il grande consolatore americano arriva sul palco, quel Barack Obama che è stato in grado di cantare Amazing Grace al funerale delle vittime di un suprematista bianco nella chiesa di Charleston nel 2015, tutti gli occhi si bagnano. Il suo è il discorso più lungo. Il più intimo: «Giovanni era il miglior discepolo di Martin Luther King. Il mentore di molti giovani, incluso me. Ho un grande debito con lui e con la sua potente visione della libertà. “Ma ancora più difficile. Evidentemente pensa anche al tweet di Trump quando dice:” Mentre siamo qui, quelli al potere stanno cercando di scoraggiare le persone dal voto, prendendo di mira le minoranze con leggi restrittive che attaccano il diritto di voto con precisione chirurgica, anche minando la posta servizio al quale sono stati tagliati i fondi per non farci votare. Invece, votare per posta è importante: aiuta a prevenire che le persone si ammalino ».

Non solo. «Dobbiamo continuare a marciare. Dobbiamo continuare la battaglia di John e assicurarci che ogni americano sia registrato per votare. Il giorno delle elezioni deve essere una festa nazionale. Anche un singolo lavoratore o madre lavoratrice deve poter votare “, dice, mentre la folla si alza e lo applaude. Poi parla delle proteste. Riferisce che da quando George Floyd è stato assassinato hanno scosso l’America, condannando, tra l’altro cose, l’uso di agenti federali. “Forse non sono le cose che si dicono a un funerale”, conclude. “Ma questo è il funerale di John Lewis. E sapeva quanto fosse fragile la democrazia. Quanto dobbiamo essere sempre vigili e non lasciare che la parte più oscura di questo paese prenda il sopravvento. “Riposa in pace, John Lewis.

READ  Bielorussia, rilasciati oltre mille manifestanti: denunciati maltrattamenti in carcere. Merkel e Von der Leyen chiedono sanzioni

Vanna Piazza

Vanna Piazza

Sono uno specialista della comunicazione online che crede nella creatività e nella passione per il lavoro. Il mio lavoro e i valori della vita sono umiltà e responsabilità. Ho sempre guadagnato la stima dei miei capi, perché sono estremamente concentrato e fortemente determinato a contribuire al successo di qualsiasi ambiente aziendale. Ho trascorso gli ultimi tre anni a perfezionare le mie capacità di scrittura, comunicazione e marketing, in particolare quelle digitali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *