Premier League: il calcio europeo si prepara all’età dell’austerità nell’era Covid-19

Quando Wonder Woman ha rotto i soffitti di vetro e le vendite al botteghino in tutto il mondo.

Quando l’inconfondibile suono di Despacito divenne la canzone più trasmessa di tutti i tempi.

Ha segnato l’apice dell’era dell’abbondanza del calcio e ha promesso di inaugurare una nuova era di super spese.

Ma quello era allora. Questo è ora. Una pandemia ha cambiato il gioco.

I flussi di cassa vitali si stanno esaurendo. Le stringhe della borsa vengono serrate. La riduzione dei costi sta rapidamente diventando re.

Il calcio ha premuto il pulsante di pausa e nel farlo si sta preparando per un’era di austerità.

“È una sveglia […] Una grande opportunità per il calcio di tornare alla realtà “, ha detto Lutz Pfannenstiel, direttore sportivo del club della Bundesliga Fortuna Düsseldorf, alla CNN.

Bolla scoppiante

Prima dello scoppio della pandemia, la curva di spesa al rialzo del calcio aveva mostrato pochi segni di rallentamento.

La scorsa estate, i club dei campionati europei “Big Five” (Inghilterra, Germania, Spagna, Italia e Francia) hanno trascorso a registrare € 5,5 miliardi, secondo l’analisi del Deloitte Sports Business Group: fino a 900 milioni di euro rispetto allo stesso periodo del 2018.

Solo nella Premier League d’Inghilterra, 11 dei 20 club hanno infranto i propri record di trasferimento, mentre la spesa in Spagna dalla Liga ha superato per la prima volta il miliardo di dollari.

Quest’estate ha promesso di non essere diverso.

Enormi mosse di denaro sono state stanziate per alcune delle proprietà più popolari nel calcio europeo, con speculazioni frenetiche che circondano il futuro della meravigliosa ala del Borussia Dortmund, Jadon Sancho, l’enigmatico centrocampista del Manchester United Paul Pogba e il comandante difensore del Napoli, Kalidou Koulibaly, solo per citarne alcuni.

Anche se il campione francese recentemente incoronato, Paris Saint-Germain, ha imposto la sfida con la firma permanente dell’attaccante argentino Mauro Icardi per una tassa di $ 67 milioni, la crisi di Covid-19 ha gettato tutto in aria.
Con i campionati di tutto il mondo che ora lottano per salvare ciò che possono dalla stagione 2019-20, l’ultima finestra di trasferimento, che si apre il 10 giugno, ha un aspetto molto diverso.
Il principale team olandese Ajax è in una posizione migliore rispetto alla maggior parte dei club dato che il suo modello di business si basa principalmente su un programma di sviluppo della gioventù che ha prodotto un numero di giocatori di livello mondiale che hanno generato un flusso costante di entrate.

“Sono sicuro che ci saranno ragionamenti con nuovi contratti, con gli stipendi, con le commissioni degli agenti e anche con i costi complessivi di un club […] Sono sicuro che avremo una buona somma di denaro, anche ai tempi della Corona “, ha recentemente dichiarato il CEO di Ajax Edwin van der Sar a Patrick Snell della CNN Sport.

Tuttavia, potrebbe essere un’illusione.

Secondo l’analisi della società di consulenza KPMG, si stima che se le stagioni domestiche possono essere completate “a porte chiuse”, il valore dei giocatori diminuirà di € 6,6 miliardi ($ 7,23 miliardi). Se le stazioni in tutto il continente vengono cancellate del tutto, tale cifra raggiungerà l’incredibile cifra di 10 miliardi di euro ($ 10,95 miliardi).

La bolla di spesa apparentemente impenetrabile del gioco si sta dirigendo verso un punto di rottura.

Jadon Sancho è una delle proprietà più ricercate nel calcio europeo al momento.

Sfruttare il mercato

Tuttavia, anche in un momento di crisi, la perdita di un uomo può essere il guadagno di un altro uomo.

In aprile il manager del Manchester United, Ole Gunnar Solskjaer, ha espresso la sua convinzione che lo United possa farlo “sfruttare” Quei club sono stati gravemente colpiti finanziariamente dalla pandemia. Sebbene i suoi commenti abbiano suscitato critiche da alcuni ambienti, l’esperto di finanza calcistica Kieran Maguire ritiene che il norvegese affermasse semplicemente una realtà economica.

“Il divario tra ricchi e poveri aumenterà perché i club più grandi tendono ad avere bilanci più solidi e più liquidità in banca”, spiega Maguire.

“Supponiamo che tu abbia un giocatore di altissima qualità; normalmente cercheremmo di acquistarlo da £ 40 a £ 50 milioni ($ 48,8- $ 61 milioni). Ti dirò cosa ti offriremo £ 20 milioni ($ 24,4 milioni) in contanti oggi e il Il club di vendita accetterà con riluttanza quell’offerta perché combatterà per la sua esistenza “.

È un’opinione condivisa dall’avvocato sportivo Daniel Geey, che ritiene che la natura dei negoziati sarà più varia e sfumata.

“I tipi di transazioni che possono dare ai club la massima flessibilità saranno i più interessanti in questo momento […] prestito per acquistare o prestiti più lunghi per una o due stagioni e con clausole di riposo “.

Con flessibilità, pazienza e cautela in procinto di diventare le parole d’ordine dominanti nel lessico del calcio, il controllo del reclutamento dei giocatori sarà più grande che mai.

“(I club) ci penseranno due o anche tre volte prima di firmare qualcuno […] Se non sei al 100%, non firmerai un giocatore, preferisci aspettare “, afferma Pfannenstiel.

Prudenza e Conservazione

Van der Sar spera che “l’ancora di salvezza del club”, riferendosi all’Accademia dell’Ajax, continuerà sulla stessa linea e si aspetta che sei o sette giovani giocatori vengano premiati con contratti in uno o due anni.

E nonostante il panorama in evoluzione, insiste sul fatto che il team di Amsterdam non sarà costretto a vendere i loro preziosi beni a basso prezzo.

“Se i grandi club pensano che forse tre giocatori o un giocatore possono scambiarci, questo non è il modo in cui gli affari sono stati fatti e verranno fatti, secondo noi.

“Potrebbe anche essere un’opportunità per noi se i giocatori non possono muoversi o se non sono i numeri giusti, quindi puoi tenere una squadra un po ‘più vicina.”

Spese socialmente inaccettabili

Nonostante tutti i pettegolezzi insaziabili sui canali di notizie e sussurri nelle colonne dei giornali e sui siti Web, l’attuale immagine economica e umanitaria è probabilmente una sfida morale per i club.

Le realtà sono rigide: milioni in tutto il mondo stanno perdendo il lavoro o sono sospese e lottano per far quadrare i conti. Le morti quotidiane continuano ad aumentare di centinaia e migliaia.

Il manager del Tottenham Hotspur José Mourinho ha recentemente dichiarato di non credere che il mondo fosse pronto ‘Pazzo’ trasferimenti di un tempo, ed è una visione echeggiata da Maguire.

“Ci sarà cautela sull’idea che il consumo di squadre di calcio sia socialmente inaccettabile […] Se vedi che stai firmando un calciatore da £ 100 milioni che sembra incredibilmente pacchiano, giusto? ”

Mentre la pandemia ha portato a livelli di incertezza senza precedenti, ha fatto sì che il gioco si guardasse da molto tempo.

Vi sono richieste crescenti di riesame delle finanze ampiamente sproporzionate del calcio. Stanno emergendo nuove idee su come gli utenti possono consumare un prodotto che a volte sembra irraggiungibile.

E forse la cosa più importante di tutte, Pfannenstiel ritiene che ora vi sia un ulteriore impulso per rivalutare i principi di base del gioco.

“Penso che possiamo tornare alla modestia [and] sostenibilità […] Penso che abbiamo visto valori molto importanti che ora ricominceranno a svolgere un ruolo più importante nei capi dei proprietari e dei dirigenti del club “.

Il calcio ha un’occasione d’oro per correggere i suoi errori.

Potresti non avere mai più questa opportunità, ed è quella che non puoi permetterti di perdere ora.

Susana Russo

Susana Russo

Ciao. Sono un Digital Copywriter. Aiuto marchi come i tuoi a creare contenuti efficaci per coinvolgere e convertire il tuo pubblico. Forti competenze SEO. Inoltre, sono un copywriter italiano creativo e concettuale. So come te l'importanza di ogni singola parola e come può fare la differenza risuonare con il bersaglio. L'ho imparato negli ultimi 8 anni di duro lavoro al servizio di aziende come Sixt, Blexr, LEAP London, Catena Media e altre. Inoltre, sono un membro freelance della Pennagrafica di Benevento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *