Quest’uomo ha ospitato dozzine di manifestanti nella sua casa di Washington DC per proteggerli dagli arresti.

Ordinò il sindaco Muriel Bowser un coprifuoco alle 19:00 alle 6 del mattino in tutta la città il lunedì in risposta alle proteste a volte violente contro la brutalità della polizia in seguito alla morte di George Floyd la scorsa settimana a Minneapolis, Minnesota.

Un manifestante ha detto alla CNN che la folla stava marciando dalla Casa Bianca lunedì sera e si è ritrovata in un quartiere residenziale dove la polizia li ha rinchiusi.

Il manifestante, che ha chiesto di essere identificato solo come Meka, ha detto alla CNN che la protesta era pacifica e che la gente stava solo cercando di capire cosa fare.

“Immagino che qualcuno abbia dato un ordine, e hanno appena iniziato a spingerci, spruzzando mazze, calpestando le persone, ed è allora che tutti hanno iniziato a farsi prendere dal panico”, ha detto lo studente universitario di 22 anni.

Si guardò intorno e vide il suo amico correre su per le scale fino alla casa vicina e un uomo che salutava i manifestanti.

“Ho appena salito i gradini e ho salito i gradini e ho iniziato ad entrare il più velocemente possibile”, ha detto Meka. “In questo momento, non sapevo se fosse la decisione giusta, ma credo che lo sia stata.”
Disse di aver guardato fuori dalla finestra e di aver visto più poliziotti di quanti ne potesse contare e che molte persone fossero state arrestate fuori.

Il capo del dipartimento di polizia metropolitana Peter Newsham ha detto martedì che nessuno dei manifestanti all’interno della casa è stato arrestato e che gli agenti “sono stati in costante comunicazione con quel proprietario per tutta la notte”.

Newsham ha riferito che 300 persone sono state arrestate lunedì notte, di cui 194 nell’area intorno alla casa di Rahul Dubey.

Disse Dubey Affiliata della CNN WJLA era sulla sua panchina e aveva lasciato che alcuni manifestanti caricassero i loro telefoni all’interno e usassero il bagno prima che la polizia entrasse. “C’è stato un botto enorme e c’è stato uno spruzzo che i miei occhi hanno iniziato a bruciare, urlando come non avevo mai sentito Prima, e l’ho descritto come uno “tsunami umano”, è il migliore che potessi vedere per circa un quarto di isolato in fondo alla strada “, ha detto a WJLA.

Ha detto che stava urlando “vieni, vieni in casa” per circa 10 minuti.
Dubey ha detto al WJLA che sono entrati circa 70 manifestanti e che è stato “pandemonio e caos” per circa un’ora e mezza mentre cercavano di sistemarsi e aiutare le persone che erano state spruzzate di pepe.

La CNN non è stata in grado di raggiungere Dubey per un commento.

Meka ha detto alla CNN che non è riuscita a dormire lunedì notte e che la polizia ha ripetutamente cercato di far uscire i manifestanti.

Perchè è questo malato di stomaco & # 39; citazione dimostra esattamente cosa c'è che non va nella Casa Bianca di Trump

Ha detto che a un certo punto Dubey è stato in grado di ricevere la pizza e che alcuni membri della comunità hanno anche portato cibo.

Becca Thimmesch vive a circa due isolati da Dubey e ha detto che lei e altre tre persone sono rimaste sulla loro panchina durante la notte per osservare l’attività di polizia e consultare i manifestanti.

Ha detto che hanno anche lavorato per organizzare viaggi per portare a casa i giovani una volta che il coprifuoco è stato revocato.

“Quindi, verso le cinque, con un’ora di coprifuoco a sinistra, i membri della comunità hanno iniziato a presentarsi a sinistra ea destra portando cibo e acqua e disinfettante per le mani e le loro auto e offrendosi di portare la gente” Disse Thimmesch.

Ha detto che avevano più volontari di quanti fossero necessari quando i manifestanti se ne sono andati, così molti di loro sono rimasti e hanno aiutato a ripulire.

Lunedì, le autorità hanno usato proiettili di gomma e gas lacrimogeni per rimuovere i manifestanti dal parco di Lafayette, in modo che il presidente Trump potesse visitare la chiesa episcopale di San Juan.

Thimmesch ha detto di aver visto altri residenti sulla strada far entrare i manifestanti nelle loro case.

“Attualmente esiste una pandemia globale e ci è stato detto, ‘non lasciare che le persone entrino nella tua casa, non condividere lo spazio con le persone'”, ha detto. “E sai, queste persone a caso hanno fatto quello che considero un grande sacrificio, per cercare di garantire la sicurezza dei giovani che non conoscevano.”

Dubey ha detto a WJLA che considera la famiglia dei giovani manifestanti ed è stato sollevato di ricevere messaggi di testo e messaggi che tutti erano al sicuro a casa.

“Spero che mio figlio di 13 anni cresca per essere fantastico come loro”, ha detto.

“Spero che tu continui a combattere e spero che partirai oggi in pace, come hai fatto ieri, e non sbatti le palpebre perché il nostro paese ha bisogno di te, e ha bisogno di te e di tutti più che mai in questo momento.”

Lauren Koenig della CNN ha contribuito a questa storia.

Angelo Narcisi

Angelo Narcisi

Multilingue e multitasker. Amante Agile. Giocoliere digitale. Giocatore di squadra. Completamente impegnato con il re (contenuto). Felice musicista e viaggiatore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *