Recensione di ‘Space Force’: Steve Carell recita in una parodia di Netflix che non decolla mai

Chiaramente progettato per battere in astuzia il progetto militare preferito dal presidente Trump (i riferimenti a “POTUS” non sono specifici, ma puntuali), la serie presenta Carell nei panni di Mark Naird, un generale a quattro stelle che si ritirò dalla sua posizione nell’Aeronautica. e questo strano nuovo sesto ramo delle forze armate fu posto in cima.

Le politiche burocratiche sono abbondanti, incluso lo sparo e gli acuti gomiti degli altri servizi armati (ad eccezione della Guardia Costiera, che viene ripetutamente ridicolizzata da altri). La cosa peggiore viene dal rivale di lunga data di Naird, il generale Kick Grabaston (“Gli americani” Noah Emmerich), presidente del Joint Chiefs of Staff.

Naird, un militare inamidato, si scontra regolarmente con il suo principale scienziato, il dottor Adrian Mallory (John Malkovich, che fa quella che sembra una rappresentazione di John Malkovich), una voce eccentrica della ragione in mezzo a tutta la follia. Quel caos si estende alla vita personale di Naird, costretto a separarsi da sua moglie (Lisa Kudrow, come gran parte del talento qui, sottoutilizzato) mentre ha a che fare con una figlia adulta (Diana Silvers) che ha problemi molto stanchi.

Il problema principale con la “Space Force” è che è così determinato ad affrontare tutto con un sopracciglio arcuato esagerato che c’è poca sostanza su cui appendere l’elmetto. In questo senso, assomiglia notevolmente ad “Avenue 5”, la satira di HBO su una nave da crociera nello spazio, che mostra molti degli stessi esagerati esagerati, troppo carini per se stessi. .

Per quanto talentuoso sia, il personaggio dei cartoni animati neutralizza i regali comici di Carell. Il fascino effimero dello spettacolo è in gran parte derivato da giocatori secondari, e la serie è messa da parte, con Fred Willard come padre di Naird, e Jane Lynch e Patrick Warburton come altri signori della guerra, tanto per cominciare.

Le battute grezze di quest’ultimo spiegano molte delle cose migliori dello spettacolo, che è una raccomandazione debole. E mentre ci sono alcuni momenti intelligenti, osserva il tentativo di un astronauta di coniare una frase di atterraggio sulla luna che va storto: sono troppo distanziati, mi dispiace per l’espressione, in tutti i 10 episodi.

Oltre alla sfida di raggiungere gli alti obiettivi dell’amministrazione per la Forza spaziale, Naird si trova ad affrontare complicazioni internazionali, sebbene sia dolorosamente chiaro che il governo degli Stati Uniti è, in questo spettacolo, il suo peggior nemico.

Sulla carta, “Space Force” sembra avere molti fattori, dal suo talento aperto ai parallelismi nella vita reale. Tuttavia, a metà strada tra il tavolo da disegno e il suo lancio su Netflix, divenne anche il suo peggior nemico.

“Space Force” sarà presentato in anteprima il 29 maggio su Netflix.

Angelo Narcisi

Angelo Narcisi

Multilingue e multitasker. Amante Agile. Giocoliere digitale. Giocatore di squadra. Completamente impegnato con il re (contenuto). Felice musicista e viaggiatore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *