Rio Tinto: il minatore si scusa per aver fatto saltare in aria un sito indigeno sacro di 46.000 anni nell’Australia occidentale

Il sito, nella gola di Juukan, nella regione di Pilbara, ricca di risorse, nello stato dell’Australia occidentale, presentava due sistemi di grotte contenenti manufatti che indicavano decine di migliaia di anni di occupazione umana continua.

Pietre abrasive, un osso affilato in uno strumento e capelli intrecciati di 4000 anni fa erano tra le quasi 7000 reliquie che erano state scoperte nel sito, secondo l’affiliata della CNN 7News.
Rio Tinto è una delle più grandi compagnie minerarie del mondo e ha grandi operazioni in Australia. Le sue miniere di ferro compongono più della metà del tuo reddito.

La demolizione del 24 maggio è proseguita nonostante una battaglia di sette anni da parte dei custodi locali della terra, il popolo Puutu Kunti Kurrama e Pinikura, per proteggere il sito.

“Ringraziamo le persone di Puutu Kunti Kurrama e Pinikura (PKKP)”, ha dichiarato Chris Salisbury, CEO di Rio Tinto Iron Ore.

“Ci dispiace per l’angoscia che abbiamo causato. Il nostro rapporto con il PKKP è molto importante per Rio Tinto, dopo aver lavorato insieme per molti anni”, ha affermato la nota.

“Continueremo a lavorare con il PKKP per imparare da ciò che è successo e per rafforzare la nostra associazione. Con urgenza, stiamo rivedendo i piani di tutti gli altri siti nell’area della gola di Juukan.”

Secondo 7News, Puffu Kunti Kurrama e il portavoce della Pinikura Aboriginal Corporation Burchell Hayes hanno dichiarato che Rio Tinto è stato informato dell’importanza del sito lo scorso ottobre.

“L’elevata importanza del sito è stata ulteriormente trasmessa a Rio Tinto dal PKKPAC a marzo”, ha affermato Hayes.

Ha detto che il gruppo ha scoperto le intenzioni di Rio Tinto solo il 15 maggio. La CNN Business ha contattato Rio Tinto per commentare i commenti di Hayes ed è stata nuovamente indirizzata alla dichiarazione dell’azienda.

Il ministro federale per gli affari indigeni Ken Wyatt ha affermato che “la distruzione non avrebbe dovuto avvenire”, aggiungendo che aveva parlato personalmente con i proprietari terrieri tradizionali.

“È incredibilmente importante che ciò non accada di nuovo”, ha dichiarato Wyatt, nativo australiano.

“Il governo dello stato dell’Australia occidentale deve garantire che la sua legislazione e i processi di approvazione proteggano il nostro patrimonio culturale indigeno. Sembra abbastanza chiaro che, in questo caso, la legislazione è fallita”.

L’ex primo ministro Kevin Rudd, il primo leader del paese a scusarsi con le generazioni di bambini aborigeni e delle isole dello Stretto di Torres presi dai genitori dai bianchi australiani lo scorso secolo, ha dichiarato che “l’arroganza corporativa di Rio Tinto è stata rubata a tutti gli australiani “.

I rifugi della gola di Juukan [are] nove volte maggiore di Stonehenge, 23 volte maggiore del Colosseo e 75 volte maggiore di Machu Picchu “, ha pubblicato sul suo account Twitter ufficiale.

Angelo Narcisi

Angelo Narcisi

Multilingue e multitasker. Amante Agile. Giocoliere digitale. Giocatore di squadra. Completamente impegnato con il re (contenuto). Felice musicista e viaggiatore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *