Ripresa in Europa e negli USA, un quarto trimestre da dimenticare

“Il recupero rapido dalla peggiore recessione della storia moderna ha perso vigore a causa delle nuove ondate di Covid-19 che hanno colpito Europa e Stati Uniti. Un certo rallentamento era fisiologico e prevedibile: non era affatto probabile che l’eccezionale crescita del terzo trimestre avrebbe continuato a farlo. Da mesi gli epidemiologi ci mettono in guardia sulla possibile accelerazione della pandemia causata dalle temperature più rigide, che portano a restare in casa. È esattamente quello che sta succedendo. Le morti per Covid-19 in Europa e negli Stati Uniti hanno superato i picchi di marzo e aprile. E nonostante l’ottimismo alimentato da vaccini, l’amministrazione di questi ultimi potrebbe non essere abbastanza rapida da impedire un aumento della mortalità almeno a gennaio (la situazione varia da paese a paese) “. Questo è quanto osserva Greg Meier, Direttore Senior Economist di Allianz Global Investors. Segue la sua analisi.

Cosa è cambiato rispetto agli ultimi mesi? Durante la stagione estiva, molti paesi sono riusciti a gestire la pandemia allentando le restrizioni. Ma l’ondata di Covid-19 attualmente in corso è abbastanza potente da mettere in seria difficoltà il sistema ospedaliero. La capacità delle unità di terapia intensiva rischia di essere insufficiente per le esigenze di ricovero in molte parti del vecchio e del nuovo continente, e per il momento alcuni governi, aziende e consumatori devono adattarsi alla situazione. L’impatto economico è già evidente nei dati ad alta frequenza statunitensi.

È importante evidenziarlo riteniamo altamente improbabile un calo della crescita come quello di marzo e aprile. Abbiamo imparato molto sul coronavirus, sappiamo come conviverci e come affrontarlo. Le economie colpite dalla pandemia sono comunque in una fase di espansione, anche se non ai livelli pre-Covid. Tuttavia, i cambiamenti nel comportamento e le restrizioni imposte dai governi potrebbero portare a un nuovo indebolimento temporaneo dello slancio economico.

Raccomandiamo agli investitori di mantenere un focus strategico sul medio termine. Il Covid-19 potrebbe dominare la scena anche durante le prossime festività, ma le previsioni economiche dovrebbero migliorare con l’avanzare del 2021. Ci attende un triste Natale dal punto di vista umano, che potrebbe però portare nuovi stimoli di governo. E per il nuovo anno, speriamo che un potente mix di stimoli, vaccini e domanda repressa solleverà il cuore degli investitori.

La prossima settimana

Una delle ultime settimane di importanti aggiornamenti economici 2021. Il calendario è fitto, con dati in uscita ogni giorno. Nel Asia, Le statistiche sulle vendite al dettaglio e sulle immobilizzazioni cinesi di novembre verranno pubblicate martedì, il che dovrebbe confermare l’accelerazione dell’economia mondiale in più rapida ripresa. Con riferimento al Giappone, conosceremo i risultati dell’indagine sulla fiducia del settore manifatturiero nel quarto trimestre 2021 (lunedì), i dati sull’export di novembre (martedì) e l’andamento dell’inflazione a novembre (venerdì). Alla riunione di venerdì la Banca del Giappone manterrà probabilmente l’attuale linea accomodante.

Nel Europa, I colloqui sulla Brexit dovrebbero continuare nonostante il rallentamento delle PMI britanniche nei settori manifatturiero e dei servizi (mercoledì). Gli investitori tedeschi saranno ansiosi di sapere se l’aumento dei contagi e le nuove restrizioni decise dall’esecutivo a dicembre hanno minato il settore manifatturiero (mercoledì) e la fiducia delle imprese (sondaggio Ifo, venerdì).

Tuttavia, i dati più consistenti verranno da stati Uniti. In generale, gli investitori si aspettano una decelerazione di una serie di indicatori, tra cui la produzione industriale (martedì), le vendite al dettaglio e la fiducia dei costruttori residenziali (mercoledì), permessi di costruzione (giovedì) e indicatori anticipatori (venerdì). I funzionari della Federal Reserve potrebbero tenere conto di tali sviluppi e della necessità di maggiori stimoli fiscali nella riunione di mercoledì. Anche i membri del Congresso concordano sulla necessità di un ulteriore sostegno economico, ma i tempi e le dimensioni del pacchetto di misure previsto sono ancora all’esame degli esperti.

Dal punto di vista dei fattori tecnici

Il pessimismo ha lasciato il posto a una situazione di ipercomprato tattico dopo l’eccezionale rally del mese scorso, il migliore nell’S & P 500 dal 1928. Le azioni potrebbero quindi affrontare un breve periodo di calma. Monitoriamo l’indice di volatilità Vix (barometro del costo della protezione contro le vendite di mercato) per segnali di compiacenza. Rispetto a +40 di ottobre, l’indice è tornato intorno a 20 e vi ricordiamo che un valore intorno a 15-20 potrebbe segnalare una vulnerabilità.

In termini di posizionamento tematico, confermiamo la nostra tesi di lungo termine sulla reflazione economica e finanziaria. I rendimenti dei titoli di Stato continuano a salire e le partecipazioni verso i settori ciclico e del valore. Riteniamo che queste tendenze potrebbero consolidarsi nel 2021, esercitando pressioni sugli asset di lunga durata e alterando la performance azionaria a livello di settore.

Barbara Matro

Barbara Matro

Linguista esperto e professionista della comunicazione con esperienza pluriennale lavorando su progetti di copywriting, transcreation, implementazione creativa e localizzazione per una vasta gamma di clienti e agenzie globali. Pensatore creativo, creativo e comprovata esperienza di lavoro sotto pressione con scadenze strette per soddisfare le aspettative del cliente e superarle. Spinto dallo spirito imprenditoriale, dallo scopo e dalla mentalità creativa per anticipare le esigenze del cliente e elaborare strategie personalizzate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *