Scacchi: Magnus Carlsen vuole rivoluzionare il vecchio gioco

Nel raccontare la tumultuosa stagione finale di Jordan con i Bulls e la dinastia che ha contribuito a costruire, il pubblico è accusato di emozioni contrastanti. Mentre il suo talento è impressionante, la sua accattivante forza di personalità, alcuni dei metodi utilizzati per raggiungere l’eccellenza nel legno duro (rimproverare i compagni di squadra, anche colpendone uno in faccia) possono essere irritanti, proponendo un monologo interno di domande durante cos’è un film sportivo sensazionale.

Ma pochi osservano ciò che si dice sia documentario più richiesto al mondo Può relazionarsi con la Giordania, tranne forse Carlsen, egli stesso un maestro del suo mestiere prescelto, un talento unico nella generazione che è implacabilmente eccellente nel suo sport.

“Ci sono state persone che hanno detto in Norvegia ‘non devi essere un buco per vincere’; ogni volta che lo dicono d’ora in poi, dirò ‘vai a vedere la Giordania’ e lo userò come una scusa per qualsiasi comportamento discutibile”, dice. Carlsen, con un sorriso ironico che gli avvolge il viso mentre parla dalla sua casa di Oslo. .

“Sono certamente qualcuno che è molto presente in quella scuola. Non ci sono scuse. Devi sempre essere il migliore, nient’altro è accettabile.”

Carlsen è il campione mondiale di scacchi dal 2013. In due anni ha risolto enigmi da 50 pezzi. Alle cinque stavo costruendo magnifiche creazioni Lego. A 13 anni, batté l’ex campione del mondo Anatoli Karpov, legato con il grande russo Garry Kasparov e divenne un grande maestro di scacchi.

Sei anni dopo, è stato il più giovane giocatore di scacchi della storia a scalare la classifica mondiale. La sua ascesa è stata sbalorditiva e nell’ultimo decennio il prodigio è diventato uno dei migliori quattro titoli mondiali e il giocatore con il punteggio più alto della storia.

Carlsen partecipa al torneo di scacchi di Dubai Open nel 2004, all'età di 13 anni.

Quindi la crudeltà, la necessità di vincere qualunque cosa, un tratto essenziale in un momento fantastico? “Penso che tu ne abbia bisogno”, risponde Carlsen, dopo un momento di riflessione.

Come la Giordania, è l’odio per la perdita che guida la spietata spinta di Carlsen. La frequenza rara di sconfitte non attenua il colpo. Nell’ultimo mese Magnus Carlsen Invitational, In un torneo online con un montepremi totale record di $ 250.000, ha perso la stella nascente Alireza Firouzja, 16 anni. “Mi ha infastidito molto”, ammette Carlsen.

E sulla sua strada per battere Ding Liren, l’aria divenne blu mentre le sue frustrazioni traboccavano. È, dice, “più umano di molti”.

“Quando ho commesso un errore in una partita, mi sono venute in mente molte imprecazioni; penso che sia una buona cosa”, afferma Carlsen, credendo che la libertà di un giocatore di essere espressiva renda i giochi online di scacchi veloci. Di solito sono completati in meno di un’ora, più attraenti per molti rispetto al formato classico.

“È reale. Le persone hanno queste reazioni istantanee, che non puoi davvero avere quando sei sul tabellone”, dice. “Ci deve essere spazio per essere te stesso e io sono una persona super competitiva, e quando sbaglio in un modo in cui non dovrei essere, mi morde e non c’è davvero nulla di sbagliato nell’esprimerlo. Fa solo parte di ciò che sono.

“Potrebbe piacerti o no. È autentico e questa è la cosa più importante.”

“La gente ha detto che è buono e cattivo per me. Le mie emozioni sono generalmente fuori dal mio corpo. Questo non è ciò che generalmente si collega con un giocatore di scacchi in generale, ma è così che sono.”

Firouzja (L) contro Carlsen durante il nono round del Torneo di scacchi Tata Steel a Wijk aan Zee, Paesi Bassi.

Nel 2010 Kasparov, campione del mondo di scacchi 1985-2000, che una volta era allenatore della Carlsen, disse alla rivista Time: “Prima che finisca, Carlsen avrà cambiato radicalmente il nostro vecchio gioco”.

Anche nei suoi 20 anni, l’impatto di Carlsen sul gioco è stato considerevole, portando a compiti di modellazione con G-star, un accordo con Porsche e la sua app. Tutti hanno contribuito alla sua fortuna multi-milioni di dollari.

Per metà della sua vita, il norvegese è stato abituato a viaggiare per il mondo per circa 200 giorni all’anno, rendendo questi ultimi mesi a Oslo il più lungo che abbia trascorso a casa dall’infanzia.

E mentre la vita quotidiana di Carlsen durante pandemia globale Non è cambiato in modo significativo: “Gioco a scacchi per vivere”, dice con un’espressione accigliata, gli ha dato la possibilità di fermarsi e la conseguenza di ciò potrebbe portare a una scossa dal vecchio gioco.

La pandemia ha dato a Carlsen l’opportunità di mettere in pratica la sua visione di rendere gli scacchi più interessanti per le masse, in un momento in cui lo sport si è bloccato e la maggior parte del mondo sta affrontando devastazioni e imprevedibilità.

Magnus Carlsen sconfigge Fabiano Caruana per vincere il Campionato mondiale di scacchi
All’inizio di questo mese, ha rilasciato Tour di Carlsen, una serie di $ 1 milione di tornei online in cui competere, offrendo ore di intrattenimento per gli appassionati di scacchi fino ad agosto.
Il primo evento è stato il Carlsen Invitational, una finale secondo quanto riferito visto da un pubblico online stimato in oltre 115.000, e il secondo dalla Lindores Abbey Challenge, che sta avvenendo ora.

Il suo obiettivo, afferma Carlsen, è “garantire che i giocatori di scacchi possano guadagnarsi da vivere”, offrendo allo stesso tempo ai fan degli scacchi “qualcosa da guardare al futuro”.

Saresti sorpreso, dice, se quest’anno avessi giocato a scacchi in mare. “Sospetto che il prossimo anno ci sarà una sorta di ritorno alla normalità, ma chissà, non mi fido di questo”, afferma Carlsen.

Potrebbe non essere sorprendente sentirlo chiamare il suo omonimo torneo online di 16 giorni, che ha coinvolto otto giocatori di alto livello, come un “successo immediato”, ma non è stato il solo a lodare il formato. All’inizio di questo mese, il quotidiano britannico, Il guardiano, Ha scritto che il torneo “si è rivelato una rivelazione”, amplificando gli errori e intensificando la pressione.
È anche significativo che il norvegese descriva la sua vittoria su Hikaru Nakamara, il mondo miglior blitz player, in finale come la sua vittoria più soddisfacente da un po ‘.
Carlsen solleva il trofeo dopo aver battuto Fabiano Caruana per riconquistare il titolo mondiale di scacchi il 28 novembre 2018 a Londra.

“È stato davvero difficile”, spiega. “Le ultime due partite sono state molto vicine e ho sentito che mi sfidavano in un modo che non era stato così prevalente negli scacchi veloci e blitz”.

“Possiamo prendere da [the Invitational] due cose, sia il controllo del tempo veloce che il formato della partita, che è questo combattimento uno contro uno, [and] entrambi hanno funzionato abbastanza bene.

“Mi ci è voluto un po ‘di tempo per abituarmi ai primi giorni, ma dopo ero completamente concentrato e non c’erano preoccupazioni e anche la maggior parte delle volte avevo il video in miniatura del mio avversario nell’angolo dello schermo in modo da poter vedere il mio avversario e vedo le loro espressioni facciali, quindi lo ha reso più reale.

“Puoi effettivamente vedere qualcosa di ciò che stanno pensando e anche questo è qualcosa che la gente apprezza mentre guarda.”

Terminato due giorni prima dell’inizio della Coppa delle Nazioni online, una competizione organizzata dall’organo di governo FIDE a cui Carlsen non ha partecipato, il momento dell’invito ha sollevato alcune sopracciglia. Nelle interviste del mese scorso, Carlsen ha affermato che non c’erano problemi tra lui e FIDE.

Carlsen si descrive come un

Dopo la vittoria del titolo mondiale nel 2018 su Fabiano Caruana, Carlsen ha detto ai media riuniti a Londra che se avesse perso, probabilmente non avrebbe mai più giocato un campionato mondiale. Se si fosse ritirato, l’impatto sul mondo degli scacchi sarebbe stato simile all’improvviso ritiro di Jordan dal basket mentre era al suo meglio quasi trent’anni fa.

Ma ora non si parla di Carlsen che rinuncia prematuramente a qualsiasi formato di questo sport. Finché il tuo cervello computerizzato ti permetterà di appiattire i tuoi avversari, continuerai a stabilire lo standard.

Fabiano Caruana - l'americano che aiuta gli scacchi a essere grandi

“Mi piace molto il gioco”, dice. “[I] gli piace vincere ogni volta, odia perdere ogni volta che succede. Sono ansioso di andare avanti.

“Ci sono momenti in cui penso:” L’ho già fatto prima, perché lo sto facendo di nuovo “, ma sono pochi e lontani tra loro e ciò non accade molto.

“Sento che il mio livello più alto è ancora il migliore al mondo. Il fatto che io sia vulnerabile nelle mie brutte giornate parla di quanto sono diventati buoni gli altri.”

“Sono motivato e amo giocare. Fintanto che mi sento ancora il migliore nel mio gioco e continuo a vincere, non vedo un motivo per smettere.”

Susana Russo

Susana Russo

Ciao. Sono un Digital Copywriter. Aiuto marchi come i tuoi a creare contenuti efficaci per coinvolgere e convertire il tuo pubblico. Forti competenze SEO. Inoltre, sono un copywriter italiano creativo e concettuale. So come te l'importanza di ogni singola parola e come può fare la differenza risuonare con il bersaglio. L'ho imparato negli ultimi 8 anni di duro lavoro al servizio di aziende come Sixt, Blexr, LEAP London, Catena Media e altre. Inoltre, sono un membro freelance della Pennagrafica di Benevento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *