«Scelta tra sogno americano e socialismo. Fermeremo le folle inferocite nelle città e creeremo 10 milioni di posti di lavoro “

Elezioni americane, Trump accetta la candidatura:

Donald Trump è ufficialmente lo sfidante di Joe Biden tutti elezioni Elezioni presidenziali americane il 3 novembre. Il magnate, parlando dalla Casa Bianca, ha accettato la nomina repubblicana alla presidenza della stati Uniti. Ha iniziato il suo discorso di accettazione della rinominazione repubblicana ricordando gli sforzi per coordinare i soccorsi contro l’uragano Laura in Texas e Louisiana, annunciando che visiterà alcuni dei luoghi colpiti durante il fine settimana. Ricordava anche suo fratello Robert, morto di recente. Il presidente si è presentato davanti alla folla insieme alla first lady Melania. Un discorso che è durato 70 minuti e 11 secondi, di gran lunga una delle più lunghe per l’occasione ..

Usa 2021, Trump a Biden: “Prima del duello tv, facciamo test antidroga”

“La scelta è tra il sogno americano e il socialismo”, le parole di Trump nel lanciare la sfida a Biden. Il presidente ha tenuto il suo discorso di accettazione della rinomina in South Lawn del casa Bianca, tra bandiere americane e un grande schermo, davanti a una folla di circa 1500 persone sedute senza distanziarsi e poche delle quali indossano maschere.

La scelta

«L‘L’America non è soffocata nell’oscurità ma è una torcia che illumina il mondo intero», Ha sottolineato Trump, contestando così le accuse del suo sfidante. «Queste sono altre elezioni importante nella storia del nostro paese: ci sono due visioni, due filosofie, devi decidere tra il sogno americano e l’agenda socialista». Agenda socialista che, ha sottolineato attaccando Biden, “demolirà il nostro amato destino”. “Il tuo voto deciderà se tuteliamo le leggi o se diamo libero sfogo a violenti anarchici, agitatori, criminali che minacciano i nostri cittadini”.

L’attacco all’avversario

“Joe Biden, se eletto, sarà colui che distruggerà la grandezza dell’America mentre io lotto per te”, è stato il duro attacco del presidente uscente al suo rivale. “Abbiamo impiegato 4 anni per rimediare ai danni arrecati da Joe Biden in 47 anni”, ha continuato Donald Trump, elencando una serie di decisioni “fallimentari” del suo sfidante alla Casa Bianca.

L’economia e il Covid

“Creeremo almeno 10 milioni di posti di lavoro nei prossimi 10 mesi”, una delle promesse fatte da Donald Trump alla convention del GOP. “Con me – ha detto – hai avuto l’economia più forte della storia del mondo e la ricostruiremo ancora più forte”. Trump ha poi sottolineato che, con la sua presidenza, “i confini americani sono più sicuri che mai”. In riferimento alla pandemia di coronavirus, ha poi assicurato: “Produrremo un vaccino entro la fine dell’anno se non prima”.

“L’America sarà più sicura”

“Il 3 novembre l’America sarà più sicura, più forte, più orgogliosa e più grande che mai. Sono molto orgoglioso di essere il candidato del partito repubblicano ”, le parole con cui ha chiuso il suo intervento. Prima, proprio in tema di sicurezza, aveva mosso una delle sue accuse ai dem: «Il partito repubblicano condanna i saccheggi, le violenze, gli incendi, le rivolte, i Democratici nella loro convenzione non li hanno citati e hanno definito i saccheggiatori manifestanti pacifici». “Rimarremo la voce dell’America che difende l’ordine, la legge e la bandiera”, promette il presidente. Così la riferimento alle proteste e alle rivolte degli afroamericani contro gli abusi e le violenze della polizia: «Fermeremo le folle inferocite nelle nostre città.Questo Paese ama e rispetta le sue forze di polizia ». “Ho fatto di più per gli afroamericani di qualsiasi altro presidente dai tempi di Abraham Lincoln, sicuramente più dei 47 anni di Joe Biden in politica. E il meglio deve ancora venire “, ha sottolineato, sostenendo che” prima del virus avevamo i migliori dati sull’occupazione per afroamericani, latinoamericani e asiatici americani. “

Ultimo aggiornamento: 07:03


© RIPRODUZIONE RISERVATA

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Galileus Web