“Siamo razze nomadi moderne sulle strade americane”

Venice, Zhao e McDormand: siamo razze nomadi moderne per le strade d'America

“Non volevo fare un film politico. Questo libro è stato ambientato nel 2011. Non ha nulla a che fare con Trump America. Racconto storie di persone. Storie che i miei parenti cinesi possono vedere e capire”. A proposito, il protagonista Francis McDormand è collegato al Lido via Zoom, Il regista Klose Joe, un cineasta cinese trasferito negli Stati Uniti, Che prevede riconoscimenti e traslochi nella giornata conclusiva del concorso del Festival del Cinema di Venezia ‘Nomadland’ è stato suggerito da molti come un film in grado di superare i Palmers, candidato al Leone d’Oro. Nel film, Fern, interpretato da Francis McDormand, basato sull’omonimo libro di Jessica Broder, diventa “nomade” dopo aver visto la città rurale del Nevada dove viveva, morendo a causa della chiusura dell’unica fabbrica intorno ad essa. Sviluppato. La donna, che nel frattempo ha perso anche il marito, carica alcuni dei suoi viaggi in un furgone adatto a una ‘casa itinerante’, percorre la strada, alla ricerca di lavori stagionali (tra Amazzonia e fast food) e incontra altre specie nomadi moderne in movimento alla ricerca di una vita fuori dalla società tradizionale.

“È Francis – concorda il regista – che Jessica Broder si è innamorata per la prima volta del libro. Lo ha raccolto e poi me lo ha proposto. Per lavorarci su, ci chiudevamo nella nostra bolla e non ci importava del mondo esterno. Voglio innamorarmi della mia storia e dei miei personaggi. Voglio mettermi al loro servizio. Impara da loro “, ha detto.


Per lavorare al film, il regista e il suo protagonista sono diventati razze nomadi. “Per 4 mesi abbiamo girato nel deserto e poi abbiamo raggiunto il mare. Ognuno di noi viveva nella sua roulotte. Come il mio manga preferito, il mio si chiamava Akira … Quando fai un film come questo, devi creare l’ecosistema. Abbiamo cercato di presentarci a queste comunità nomadi e abbiamo ascoltato le loro storie “, ha detto Chloe Zhao. Tra i veri film nomadi – Linda May, Swanky e Bob Wells – Coloro che fungono da guide e compagni di Fern‌ mentre esplorano i vasti paesaggi del West americano. “La natura è il tema di base per me. Credo che i paesaggi trasmettano messaggi. Per questo ho scelto la musica di Ludovico Ainadi – ha detto il regista – Sono rimasto molto colpito dal video di lui che suona nel ghiaccio artico “.

“La cosa più importante” Francis McDormand ha imparato nel film è stata “non ascoltare e parlare”: “Non è mio, si sente parlare di nomadi.” Il set è un’esperienza completamente coinvolgente: “Siamo una squadra di 25 – attrice due volte vincitrice di Oscar – Abbiamo viaggiato 5 mesi in 7 stati e siamo diventati un’unica azienda. E quando viviamo in società nomadi, spesso pensiamo a come sostituirle ”. La community più ammirata dell’attrice: “Amo essere una comunità, aver bisogno l’uno dell’altro. Anche le relazioni amorose tra di loro non sono tradizionali. Ma può essere insolito e vero tra i bambini sulla sessantina “, ha detto all’Associated Press.

La riproduzione è riservata © Copyright Adnkronos.

Susana Russo

Susana Russo

Ciao. Sono un Digital Copywriter. Aiuto marchi come i tuoi a creare contenuti efficaci per coinvolgere e convertire il tuo pubblico. Forti competenze SEO. Inoltre, sono un copywriter italiano creativo e concettuale. So come te l'importanza di ogni singola parola e come può fare la differenza risuonare con il bersaglio. L'ho imparato negli ultimi 8 anni di duro lavoro al servizio di aziende come Sixt, Blexr, LEAP London, Catena Media e altre. Inoltre, sono un membro freelance della Pennagrafica di Benevento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *