Stephane Bourgoin: l’esperto di serial killer francese ammette che la carriera si basa su bugie

Bourgoin, 67 anni, si è guadagnato la reputazione di nazione Esperto principale di serial killer, scrivendo oltre 75 libri e producendo dozzine di documentari, prima che un’indagine lo abbattesse.

La sua posizione di esperto nel suo campo significa che è stato convocato come professore ospite per apprendisti presso l’accademia di polizia giudiziaria nazionale francese e ha visitato regolarmente il paese per tenere discorsi sulle sue esperienze.

Tuttavia, a gennaio un collettivo anonimo chiamato “4e Oeil” o “4th Eye” ha caricato una serie di video su YouTube accusando Bourgoin di mentire, e la storia divenne rapidamente una sensazione in Francia dato il suo profilo pubblico. Da allora, i video sono stati rimossi da YouTube, ma rimangono sul sito ufficiale del collettivo.

Un portavoce di 4e Oeil ha detto alla CNN di aver iniziato a indagare su Bourgoin nell’agosto 2019 dopo aver discusso del loro lavoro in un gruppo di Facebook dedicato ai casi penali.

I membri del gruppo sospettavano che Bourgoin avesse plagiato libri originariamente scritti in inglese e notato date o incongruenze non corrispondenti da uno dei suoi libri all’altro, ha detto il portavoce.

“Le sue interviste televisive ci hanno convinto che stava davvero inventando tutto”, hanno detto alla CNN.

Bourgoin ha ora ammesso falsità, sia nella stampa che in il tuo account Instagram personalee la CNN ha provato a contattare i loro rappresentanti
“Mi vergogno di aver mentito, di avere cose nascoste”, ha detto in un’intervista. con Le Parisien di domenica.

“È vero che quando ero sotto gli occhi dell’opinione pubblica ero talvolta abbellito, estrapolato, esagerato la mia importanza perché avevo sempre la profonda sensazione di non essere veramente” amato “.”

Una delle invenzioni riguarda una donna che è stata assassinata nel 1976 a Los Angeles, negli Stati Uniti.

Bourgoin aveva detto per anni che sua moglie era stata uccisa, ma in realtà era un barista che aveva incontrato cinque o sei volte.

“È assolutamente vero che ho nascosto volontariamente la sua identità”, ha detto.

Bourgoin ha anche ammesso di avere un incontro con il serial killer Charles Manson e ha parlato del perché ora sta confessando.

“Questo ha pesato molto su di me per due o tre anni”, ha detto. “Molto strano, c’è il sollievo di aver detto la verità, e la vergogna, la volontà di riscattarmi, di non dire mai più cose senza senso come quelle in pubblico.”

Il portavoce di “4e Oeil” ha detto alla CNN che vogliono che Bourgoin smetta di lavorare sul campo.

“Dubitiamo sinceramente che le sue scuse, anche se le abbia presentate, siano sincere”, hanno detto.

Angelo Narcisi

Angelo Narcisi

Multilingue e multitasker. Amante Agile. Giocoliere digitale. Giocatore di squadra. Completamente impegnato con il re (contenuto). Felice musicista e viaggiatore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *