Tra le tensioni nel Mar Cinese Meridionale, le Filippine affermano che l’accordo di accesso militare degli Stati Uniti non finirà. Stati Uniti d’America

Il presidente Rodrigo Duterte aveva deciso di mantenere l’accordo sulle forze di visita (VFA) “alla luce degli sviluppi politici e di altro genere nella regione”, ha detto martedì il ministro degli esteri filippino Teodoro Locsin Jr. un post sui social media.

L’accordo, firmato nel 1988, offre agli aerei e alle navi militari statunitensi l’ingresso gratuito nelle Filippine e allenta le restrizioni sui visti per il personale militare americano.

Il governo filippino ha comunicato agli Stati Uniti 180 giorni prima finisci il deaA febbraio, suggerendo che Manila doveva fare affidamento sulle proprie risorse per la sua difesa. Martedì, gli Stati Uniti hanno accolto con favore il cambiamento di opinione.

“La nostra alleanza di lunga data ha giovato a entrambi i paesi e non vediamo l’ora di proseguire la stretta cooperazione in materia di sicurezza e difesa con le Filippine”, ha dichiarato una dichiarazione dell’Ambasciata degli Stati Uniti a Manila.

Le Filippine ospitavano due delle più grandi basi militari statunitensi al di fuori degli Stati Uniti: Clark Air Force Base e Subic Bay Naval Station.

Sebbene quelli cessarono di essere basi statunitensi all’inizio degli anni ’90, le forze statunitensi avevano ancora accesso ad esse sotto il VFA e Manila mantenne forti legami militari con Washington.

Ma negli ultimi anni, Duterte si è allontanato da quei legami storici con gli Stati Uniti e la Cina, che ha offerto un rapporto economico più stretto con Manila.

“Ho bisogno della Cina. Più di chiunque altro in questo momento, ho bisogno della Cina”, ha detto Duterte prima di volare in Cina nell’aprile 2018.

Rispetto ai suoi predecessori, Duterte ha visto la disputa territoriale in corso nelle Filippine sul Mar Cinese Meridionale come più negoziabile.

Sia le Filippine che la Cina fanno parte di diverse nazioni con rivendicazioni sovrapposte sul mare o su parti di esso. La Cina rivendica quasi tutti gli 1,3 milioni di miglia quadrate del Mar Cinese Meridionale, nonostante altri richiedenti abbiano confini molto più vicini alle acque contese.

L’anno scorso, Duterte ha detto che gli era stato offerto una partecipazione di controllo in un accordo energetico congiunto dal presidente cinese Xi Jinping in cambio dell’ignoranza dell’arbitrato internazionale a favore di Manila nel Mar Cinese Meridionale.
Nel 2016, un tribunale di L’Aia ha trovato a favore delle Filippine In una controversia marittima, concludere che la Cina non ha basi legali per rivendicare diritti storici sulla maggior parte del Mar Cinese Meridionale.

La Cina, tuttavia, ha intensificato la sua presenza militare nelle isole rivendicata anche da Manila.

Negli ultimi due mesi, l’Esercito popolare di liberazione ha spostato l’avanzata guerra antisommergibile e aerei da ricognizione a Fiery Cross Reef, noto come Kagitingan nelle Filippine, nella catena delle Isole Spratly.

Pechino fece anche parte di Fiery Cross nella sua provincia meridionale di Hainan, creando due nuovi distretti amministrativi che coprivano il Mar Cinese Meridionale, con sede nelle Isole Paracel, un altro gruppo di isole con pretese contestate.

Inoltre, la Cina ha mantenuto una presenza di navi della milizia marittima intorno all’isola di Thitu, La più grande isola occupata delle Filippine nell’Arcipelago Spratly, per più di un anno, secondo l’iniziativa per la trasparenza marittima dell’Asia.

Una media di 18 navi cinesi sono state in giro per l’isola ogni giorno, secondo un’analisi satellitare AMTI pubblicata a marzo, ostacolando i tentativi delle Filippine di costruire infrastrutture lì.

Mercoledì, Locsin ha affermato che le Filippine vedono gli Stati Uniti svolgere un ruolo nella regione da qualche tempo.

“Non vediamo l’ora di continuare il nostro forte partenariato militare con gli Stati Uniti, anche se continuiamo a contattare i nostri alleati regionali per costruire una difesa comune verso stabilità duratura, pace e continui progressi economici e prosperità nella nostra parte del mondo”. disse.

Sophie Jeong della CNN ha contribuito a questo rapporto.

Antonia Angelo

Antonia Angelo

Affascinato e curioso di tecnologia e design, sin da bambino ho sempre studiato e guardato il mondo evolversi intorno a me ponendomi sempre nuove domande a cui rispondere. Grazie all'esperienza professionale acquisita negli anni, comunico in modo chiaro e preciso riuscendo a rispondere a specifiche richieste del cliente e / o dell'utente di riferimento. Per me, l'aspetto grafico rappresenta un modo di comunicazione visiva che mira a emozionare. Viaggio spesso per partecipare a corsi o incontri per aggiornarmi, conoscere e confrontarmi / misurarmi con nuove persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *