Trasforma la TV digitale terrestre, tutto ciò che devi sapere per la rivoluzione

Guida

Gli italiani hanno un anno per assicurarsi che la loro TV sia adattabile alla trasformazione del digitale terrestre

Di Alessandro Longo

Immagine di scarico predefinita
(Foto di Sean Pavone – stock.adobe.com)

Gli italiani hanno un anno per assicurarsi che la loro TV sia adattabile alla trasformazione del digitale terrestre

4 ‘Lettura

Gli italiani hanno un anno per assicurarsi che la loro TV sia compatibile con la trasformazione del digitale terrestre. I dispositivi obsoleti non possono più vederlo e per risolverlo è sufficiente modificarli o installare un decoder temporaneo. Quando? La rivoluzione è in due fasi. Inizierà il 1 settembre 2021, con tutte le emittenti che utilizzeranno MPEG-4 (già il codec standard per i video web). Questa è la seconda fase di tutte – tecnicamente, lo spegnimento – che fa una grande differenza: entro giugno 2022 le emittenti dovranno passare al nuovo digitale terrestre (DVB-T2 Heavy, al contrario dell’attuale DVB-T1).
Una transizione che porterà più qualità e diversi vantaggi agli utenti, ma nel prossimo futuro sarà qualche grattacapo per coloro che hanno un dispositivo più vecchio.
Secondo uno studio della Fondazione Ugo Bordoni dal titolo ‘L’espansione e l’evoluzione degli apparati televisivi in ​​Italia’, “il 74,5% delle famiglie possiede” un televisore con capacità di decodifica almeno Mpeg-4 “. DVB-T2 è di gran lunga peggiore per i dispositivi in ​​grado di ricevere trasmissioni. In percentuale, sono il 17,9%

Modifica a MPEG-4 e alta definizione

Il passaggio a MPEG-4 è storico. È come dire che la tecnologia video web (tecnicamente, il codec di compressione delle immagini) alla fine vincerà su quella pre-Internet: MPEG-2 con i vecchi DVD. Mpeg-4 consente di disporre più informazioni in un unico punto (canale): si comprime meglio di MPeg-2; Di conseguenza, deve essere utilizzato dalle emittenti in alta risoluzione I televisori Mpeg-4 sono venduti in Italia da decenni. Ma lo standard ora è sui canali paralleli a Mpeg-2. Insomma, possono essere aggiunti senza interruzioni. Questo è il caso dell’offerta di Roy in HD su Tivasat‌. Da dicembre di quest’anno alcune emittenti inizieranno a utilizzare MPEG-4 invece di MPEG-2. Il 17 dicembre, Sky TV 8 e canali silo passeranno a DVB-S2 (satellitare, quindi non digitale terrestre) con MPG-4. Da gennaio sarà la volta di 15 delle 18 rotte satellitari del satellite MediaSet; Idem per la legge 7D. Il tempo di spegnimento completo per l’Mpeg-4 non è ancora chiaro (i televisori stanno modificando i piani in questa fase); Potrebbero esserci ancora i canali Mpeg-2 nel digitale terrestre nel 2021, ma con l’arrivo del DVB-T2 questa rotta sarà sicuramente completata nel 2022.

Conversione a Dvbt-2

Questa seconda fase consente la liberazione dello spazio di frequenza, necessaria anche per le aree non metropolitane per lo sviluppo della rete 5G. Il nuovo digitale terrestre consentirà di trasmettere più informazioni (cioè più canali e / o risoluzione maggiore) per le stesse frequenze di encie virtualmente occupate.

Come verificare se il dispositivo è compatibile

Quando si tratta di aspetti più pratici, possiamo verificare se la nostra TV è compatibile senza consultare la scheda tecnica. Collegati al canale 200 (MediaSet) o al canale 100 (Roy). Se viene visualizzato il messaggio “Test HEVC Main 10”, allora abbiamo Dvbt-2. Apparentemente “compatibile con il nuovo digitale terrestre” sembrava una cosa banale. Il messaggio meno negativo è ovvio: “Canale non disponibile”. Uno o un altro messaggio potrebbe non apparire su quei canali; In questo caso dobbiamo recuperare tutti i programmi.

Bonus TV

Abbiamo scoperto di avere una TV sfavorevole? Dal 18 dicembre è iniziato un bonus massimo di 50 euro sull’acquisto di televisori e decoder di nuova generazione adatti alla trasmissione sui nuovi standard digitali. Il bonus dei nuovi televisori sarà assegnato alle famiglie con IC (indicatore di situazione finanziaria equivalente) non superiore a 20.000 euro e potrà essere utilizzato fino a dicembre 2022, ma fino ad esaurimento delle risorse. Il secondo è attualmente un totale di 151 milioni di euro. Se rientri nei limiti, è buona norma verificare la compatibilità della tua TV e informare l’acquirente dell’utilizzo del bonus. Secondo il Bonus Establishment Act, questo si applica solo ai dispositivi che sono adatti a ricevere programmi e servizi radiofonici e televisivi – il contesto in cui il decoder, compresa la presa o il convertitore adatto per i collegamenti alla presa SCART dei televisori – con interfacce di programma aperte (API), geospaziali e geografiche, Dove disponibile, via cavo. E 200) .Gfk stima in una recente riunione pubblica del DDAY che i primi italiani in Italia avessero 9 milioni di televisori senza MPEG-4, che aumenterebbero a 15 milioni se aggiungessimo la seconda casa, ea 35 milioni per l’incompatibilità con Dvb-t2. Con meno di un milione di televisori convertiti, molti italiani stanno abbracciando la geografia digitale a questo ritmo. C’è il rischio di perdita.

Benvolio Cavallone

Benvolio Cavallone

Sono molto di più: sono un marketer, uno stratega dei social media, un blogger, un esperto di SEO. In breve, sono il ragazzo che può aiutare la tua azienda ad avere successo nel mercato italiano. Nel 2019 ho aiutato oltre 15 aziende a comunicare efficacemente con le loro prospettive e il pubblico italiano. Tra i miei clienti, posso vantare H&M, Organo Gold, SEGA, Pinnacle, Radison Hotels, Holland Pass e Voyage Privé.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *