Trump annuncia la fine delle relazioni degli Stati Uniti con l’Organizzazione mondiale della sanità

“Poiché non sono riusciti a realizzare le riforme tanto necessarie e richieste, oggi porremo fine alle nostre relazioni con l’Organizzazione mondiale della sanità e reindirizzeremo tali fondi ad altri bisogni sanitari urgenti e meritevoli a livello mondiale”, ha affermato Trump.

Il presidente ha affermato che “il mondo ha bisogno di risposte dalla Cina sul virus. Dobbiamo avere trasparenza”.

In precedenza nei suoi commenti, Trump ha affermato che la Cina non aveva riferito adeguatamente alle informazioni che aveva sul coronavirus all’Organizzazione mondiale della sanità, affermando che la Cina aveva fatto pressioni sull’OMS affinché “ingannasse il mondo”.

“I funzionari cinesi hanno ignorato i loro obblighi di denunciare l’Organizzazione mondiale della sanità e hanno fatto pressione sull’Organizzazione mondiale della sanità per ingannare il mondo quando le autorità cinesi hanno scoperto per la prima volta il virus”, ha affermato Trump. “Sono state prese innumerevoli vite e profonde difficoltà finanziarie sono state inflitte in tutto il mondo.”

Un portavoce dell’OMS ha detto alla CNN venerdì: “Non abbiamo commenti da offrire in questo momento”.

Il presidente aveva precedentemente annunciato una sospensione temporanea dei fondi all’OMS e aveva inviato una lettera all’agenzia all’inizio di maggio dicendo che gli Stati Uniti avrebbero ritirato i fondi in modo permanente se l’OMS non si fosse “impegnata in significativi miglioramenti sostanziali nei prossimi 30 giorni”.

In quella lettera, Trump includeva una falsa descrizione di quando le informazioni sul virus venivano pubblicate su The Lancet, spingendo il prestigioso giornale medico a contestare pubblicamente le sue affermazioni.

La decisione di Trump di porre definitivamente fine alle relazioni statunitensi. Stati Uniti d’America Con l’OMS segue un modello di scetticismo delle organizzazioni mondiali che è durato per anni, e il Presidente ha affermato in quasi tutte le circostanze che stava approfittando degli Stati Uniti. Stati Uniti d’America

Il Presidente ha messo in dubbio il finanziamento degli Stati Uniti alle Nazioni Unite e all’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico, si è ritirato dagli accordi sul clima di Parigi e ha ripetutamente criticato l’Organizzazione mondiale del commercio.

Ha anche incolpato la Cina per aver approfittato degli Stati Uniti. Stati Uniti, ha indicato la nazione per aver trovato lavoro negli Stati Uniti Stati Uniti d’America E ora, non è stato in grado di fermare la diffusione del coronavirus negli Stati Uniti. Stati Uniti d’America

Trump, nel frattempo, ha dato a se stesso e alla sua amministrazione entusiastiche recensioni sulla sua gestione della pandemia, nonostante i falliti test Covid-19 e una carenza di scorte nel paese quando ne avevano più bisogno.
L’OMS è stata criticata per aver fatto affidamento su cifre ufficiali del governo cinese relative al virus, cifre che molti funzionari dubitano siano accurate. È stato anche criticato da un tweet del 14 gennaio che l’indagine preliminare delle autorità cinesi non aveva trovato prove chiare della trasmissione da persona a persona del coronavirus.
I critici si sono anche chiesti se l’OMS sia abbastanza indipendente, data la crescente ricchezza e potenza della Cina. Indicano l’effettivo elogio dell’OMS per la risposta della Cina alla pandemia di coronavirus. I funzionari dell’organizzazione hanno difeso le loro prime azioni quando si trattava di combattere il coronavirus, rilevando che a gennaio non si sapeva molto del virus.
Il Presidente ha anche affermato che se l’OMS avesse agito in modo appropriato, avrebbe potuto istituire un divieto di viaggio per le persone che provenivano dalla Cina in precedenza.

Ma esperti di salute, legislatori statunitensi e leader mondiali hanno espresso preoccupazione per il sottofinanziamento dell’organizzazione nel mezzo di una pandemia.

Patrice Harris, presidente dell’American Medical Association, ha attaccato l’annuncio di Trump venerdì come “assurdità” con “ripercussioni significative e dannose”.

“COVID-19 colpisce tutti noi e non rispetta i confini; per sconfiggerlo è necessario che tutti lavorino insieme”, ha dichiarato Harris in una nota. “Nei termini più forti possibili, l’American Medical Association esorta il presidente a invertire la rotta e non abbandonare la posizione di leader del nostro paese nella lotta globale contro COVID-19”.

L’annuncio di Trump ha anche ricevuto il rifiuto all’interno del partito repubblicano. Il senatore Lamar Alexander del Tennessee, presidente del Comitato del Senato per la salute, l’istruzione, il lavoro e le pensioni, ha dichiarato: “Non sono d’accordo con la decisione del presidente”.

“Certamente, è necessario dare una buona occhiata agli errori che l’Organizzazione mondiale della sanità avrebbe potuto fare riguardo al coronavirus, ma il tempo per farlo è dopo che la crisi è stata affrontata, non nel mezzo di essa”. Alexander ha detto in una frase.

I suoi commenti sono stati ripresi dal senatore Joe Manchin della West Virginia, un democratico conservatore che ha spesso dimostrato la sua disponibilità a lavorare con Trump e i repubblicani.

“Gli Stati Uniti non possono rimuovere questo virus da soli e ritirarsi dall’Organizzazione mondiale della sanità, la principale agenzia di sanità pubblica del mondo, è sconsiderato”, ha dichiarato Manchin in una nota. “Nel corso della storia della nostra nazione, gli Stati Uniti si sono sempre alzati per guidare il mondo attraverso la crisi e credo che dobbiamo continuare a farlo ora”.

“Esorto caldamente il Presidente a riconsiderare questa decisione e esorto tutti i miei colleghi al Congresso a parlare. È tempo per noi di rimanere saldi”, ha continuato.

Ad aprile, oltre 1.000 organizzazioni e individui, tra cui enti di beneficenza, esperti medici e aziende sanitarie in tutto il mondo, hanno firmato una lettera per sollecitare l’amministrazione Trump a invertire la rotta e mantenere i fondi.

E quando Trump ha pubblicato la sua lettera a maggio, i leader europei, tra cui il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, hanno consegnato messaggi di sostegno all’OMS mentre parlavano all’Assemblea mondiale della sanità.

“Questa pandemia ha messo in luce la nostra vulnerabilità e ha chiarito che abbiamo bisogno l’uno dell’altro”, ha affermato il primo ministro spagnolo Pedro Sánchez. “Ecco perché più che mai dobbiamo essere uniti”.

Questa storia è stata aggiornata con ulteriori sviluppi e contesto.

Paul LeBlanc, Kylie Atwood, Amanda Watts e Veronica Stracqualursi della CNN hanno contribuito a questo rapporto.

Angelo Narcisi

Angelo Narcisi

Multilingue e multitasker. Amante Agile. Giocoliere digitale. Giocatore di squadra. Completamente impegnato con il re (contenuto). Felice musicista e viaggiatore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *