Una guida su come è possibile supportare le comunità sottoservite.

Ogni volta che si verificano questi incidenti, molti di noi si chiedono cosa possiamo fare per supportare i nostri amici afroamericani al di là di post in difficoltà online e in modi reali e significativi.

Essere un alleato, una persona che non è un membro di un particolare gruppo emarginato, ma che cerca di aiutare a porre fine all’oppressione di quelli del gruppo emarginato, è un processo in corso. L’alleanza può significare cose diverse per persone diverse e può essere difficile sapere da dove cominciare.

Questo non è un elenco esaustivo, ma qui ci sono alcuni modi in cui puoi supportare le comunità sottoservite.

Raggiungere

Offrire supporto e comfort.

Controlla i tuoi amici che non ti assomigliano quando si verifica un incidente di alto profilo o una tragedia. Afferma che sei lì per loro in qualsiasi modo abbiano bisogno.

Educare te stesso e gli altri

Fai le tue ricerche.

Fai quello che puoi per educare te stesso prima di chiedere agli altri di spiegarti le cose. Ci sono molte risorse disponibili online. Google è tuo amico.

Poni domande quando necessario.

Stiamo tutti imparando ed è bene porre domande.

Ma tieni a mente chi chiedi, dice lo scrittore Courtney Ariel. Non appoggiarti troppo sulle persone di colore o su altri gruppi emarginati per essere i tuoi “esperti”.

È meglio se la persona che stai chiedendo è qualcuno con cui hai già una relazione forte. Ed essere pronti ad accettare che alcune persone potrebbero non voler discutere di queste cose con te.

Cronologia delle recensioni.

Chiedere “Come è potuto accadere qualcosa del genere?” quando un altro incontro di polizia diventa mortale può sembrare sordo alle comunità che hanno a che fare con sistemi radicati di oppressione, Scrive Ariel. Assicurarsi di essere aggiornati prima di pesare.
Come posso assicurarmi di non sollevare il prossimo Amy Cooper?

Influenza le persone nel tuo gruppo.

Parla con le persone della tua vita, in particolare con quelle che condividono la tua stessa identità, per cui Jamie Utt ha scritto Femminismo quotidiano. Educare i tuoi amici e familiari su come i sistemi di oppressione influenzano i gruppi emarginati. Ritenerli responsabili delle loro parole e azioni, nonché dei ruoli che possono svolgere in tali sistemi.

Insegna ai tuoi figli.

Non è mai troppo presto. Parla esplicitamente con i tuoi figli del razzismo e di altre forme di discriminazione. Non insegnare loro ad essere “daltonici”, dice l’autore Jennifer Harvey. Fai sapere loro che è importante notare le differenze e insegnare loro a difendere gli altri.

Riconosci i tuoi errori.

L’alleanza è un processo. Lungo la strada, sicuramente farai o dirai qualcosa di sbagliato di volta in volta. Non essere difensivo. Assumersi la responsabilità delle scivolate. E fare meglio andando avanti.

ascolti

Riconosci il tuo privilegio.

Una parte fondamentale dell’essere un alleato è riconoscere i benefici e il potere che hai nella società a causa dell’identità con cui sei nato, dice. consulente di cambiamento organizzativo Frances Kendall. Sii consapevole di te stesso e sii disposto ad andare contro altri che condividono i tuoi privilegi.

Fai attenzione.

Il razzismo e altre forme di oppressione sono ovunque, anche se non le sperimentate da soli. Allenati a notarli a livello personale e istituzionale, dice. lo scrittore e attivista Paul Kivel. Prendi nota di ciò che viene detto (e di ciò che non lo è) e di chi c’è (e di chi non lo è). Riconosci come il pregiudizio, la discriminazione e l’oppressione siano negati, minimizzati o giustificati.
Ecco perché la profilazione razziale quotidiana è così pericolosa.

Sapere quando parlare di meno.

Questo non riguarda te. Non devi commentare ogni situazione con la tua prospettiva, né fai tutto il possibile per dimostrare quanto sei consapevole o istruito, Dice Ariel. Eleva gli altri senza parlare per loro. Lascia che gli altri abbiano il microfono per cambiare.

Comprendi le esperienze degli altri.

Invece di offrire i tuoi pensieri, ascolta le persone emarginate quando ti raccontano le loro esperienze, frustrazioni ed emozioni. Siediti per un po ‘.

Alzarsi

Costruisci reti.

Non puoi fare questo lavoro da solo. Trova altri partner con cui puoi collaborare e ritenuti reciprocamente responsabili. Collabora con organizzazioni che svolgono lo stesso lavoro come te. Sostieni le persone di colore che sono leader.

Usa il tuo privilegio per aiutare gli altri.

Può essere spaventoso, ma correre rischi, Scrive Kivel. Chiama l’ingiustizia o la discriminazione quando la vedi. Intervieni quando vedi casi di razzismo o altre situazioni che sembrano non sicure.
Usa il 5 D di intervento degli spettatori. Ciò include ridurre la situazione, chiedere aiuto agli altri, consultare la persona coinvolta, parlare e documentare ciò che sta accadendo.
Le immagini di protesta raccontano solo la storia della gerarchia razziale americana

Conosci i tuoi diritti durante le riprese video.

Siete consentito dalla Costituzione per filmare la polizia di turno, purché non interferisca con le loro attività. Mantenere una distanza di sicurezza. Cattura segni o punti di riferimento per identificare la posizione.

Esprimi le tue preoccupazioni a coloro che sono al potere.

Conosci chi sono i tuoi legislatori e politici locali (vai qui per trovare un elenco completo dei tuoi eletti) e sapere come Contattali. Ecco un Ottimo thread su Twitter di un ex membro dello staff del Congresso su come fare davvero ascoltare i politici.

Sii solidale.

Marcia a fianco di persone di gruppi emarginati in proteste e manifestazioni.

Dona il tuo tempo e denaro.

Questo potrebbe assumere molte forme, dice ariel. Offri aiuto alle persone che potrebbero trarre vantaggio dalla tua esperienza. Aiuta una famiglia a pagare le bollette. Identifica le organizzazioni il cui lavoro si allinea ai tuoi obiettivi e fornisci ciò che puoi.

Votazione.

Assicurati di essere registrato. E fallo in tutte le elezioni, non solo in quelle grandi.

AJ Willingham della CNN ha contribuito a questo rapporto.

Angelo Narcisi

Angelo Narcisi

Multilingue e multitasker. Amante Agile. Giocoliere digitale. Giocatore di squadra. Completamente impegnato con il re (contenuto). Felice musicista e viaggiatore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *