Usa, il ritorno di Covid dopo un apparente rallentamento

203.000 vittime, 3 milioni di ricoveri, 7 milioni di contagi i nuovi dati che gli Stati Uniti riportano nei giorni scorsi per la pandemia di Coronavirus.

Anche qui, come in Europa, dopo un ultimo periodo di lieve declino, si registra una ripresa del contagio in diversi stati.

Tra gli stati che nell’ultima settimana hanno avuto un trend al rialzo dei casi e una percentuale positiva del 15% ci sono Idaho, Wisconsin, South Dakota, Iowa e Kansas.

Il tasso di positività è la percentuale di tutti i test che risultano positivi al coronavirus.

L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) a maggio ha consigliato ai governi di riavviare le attività economiche con tassi positivi stabili al 5% o meno per almeno due settimane prima della riapertura. Ma ben 29 stati, incluso Porto Rico, hanno superato questo limite. Altri sono inferiori all’1%, come Vermont, Maine, New York e Massachussets. Altri come Louisiana, Hawaii, Michigan e South Carolina sono ancora al di sotto di questo limite.

Le ultime indicazioni del CDC, il Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie, confermano che le particelle infettive del virus potrebbero muoversi nell’aria. La guida in precedenza affermava che il Covid-19 poteva diffondersi tra le persone entro due metri e attraverso le goccioline respiratorie di una persona infetta che tossisce, starnutisce o parla. Le raccomandazioni, aggiornate ad oggi, confermano che il Covid-19 si diffonde tra persone a stretto contatto e anche quando una persona infetta canta, parla, respira, tossisce, starnutisce o semplicemente respira. Viene infettato attraverso il naso, la bocca, le vie aeree e i polmoni. .

“Esistono prove evidenti che le goccioline e le particelle sospese nell’aria possono rimanere sospese nell’aria ed essere respirate da altri. Le goccioline percorrono distanze superiori a due metri (ad esempio, durante le prove del coro, nei ristoranti o nelle lezioni di fitness). E in generale si sviluppano maggiormente all’interno di stanze senza una buona ventilazione ‘.

Quello che il Covid-19 ha prodotto sta producendo, oltre alle vittime, ai ricoverati e ai contagiati, un aumento del livello di stress e depressione.

Per non parlare della paura di perdere o del dramma di perdere il lavoro che sta avendo un forte impatto su gran parte degli americani.

“I dati suggeriscono che le persone che hanno continuato a lavorare durante questa prima fase della pandemia erano meno depresse rispetto a quelle che non lavoravano, anche se erano a maggior rischio di contrarre il virus.”

Il fattore di stress correlato alla pandemia è la frequenza con cui i partecipanti sono stati esposti a informazioni contrastanti dalle notizie e dai social media. Le persone sono state immerse nelle notizie per una media di sette ore al giorno, hanno scoperto, e lo stress acuto è aumentato nel tempo. Ma rapporti di notizie coerenti, accurati e affidabili possono essere uno dei modi migliori per controllare lo stress, così i ricercatori hanno suggerito, ma forse i media non li hanno ascoltati del tutto.

Barbara Matro

Barbara Matro

Linguista esperto e professionista della comunicazione con esperienza pluriennale lavorando su progetti di copywriting, transcreation, implementazione creativa e localizzazione per una vasta gamma di clienti e agenzie globali. Pensatore creativo, creativo e comprovata esperienza di lavoro sotto pressione con scadenze strette per soddisfare le aspettative del cliente e superarle. Spinto dallo spirito imprenditoriale, dallo scopo e dalla mentalità creativa per anticipare le esigenze del cliente e elaborare strategie personalizzate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *