Usa, Trump nomina Barrett alla Corte Suprema al posto di Ginsburg. Biden: “Il voto spetta al prossimo Congresso”

Il presidente Donald Trump ha nominato come previsto Amy Coney Barrett giudice della Corte Suprema al posto di Ruth Bader Ginsburg, l’icona liberale scomparsa 8 giorni fa all’età di 87 anni, di cui 27 tra le nove togate del più alto organo giudiziario USA.

L’udienza in Senato dovrebbe iniziare il 12 ottobre per la conferma Amy Coney Barrett alla Corte Suprema con le sue dichiarazioni iniziali. Secondo il calendario circolante in Senato, il primo turno di interrogazioni in Senato per Barrett inizierebbe il 13 ottobre e proseguirà il 14 con la seconda metà. Ci dovrebbe essere una sessione a porte chiuse con testimoni esterni il 15 ottobre. L’obiettivo dei repubblicani è ottenere il via libera prima delle elezioni del 3 novembre.

Nel suo discorso Donald Trump nomina tutti i sette figli di Amy Coney Barrett, 48 anni, che erano presenti alla cerimonia della sua nomina a Giudice della Corte Suprema alla Casa Bianca: “Grazie per aver condiviso la tua straordinaria mamma con il nostro Paese”, ha detto. il presidente americano.

Il candidato democratico alla Casa Bianca Joe Biden ha fatto appello al Senato per non confermare la conferma di Amy Coney Barrett alla Corte Suprema prima delle elezioni presidenziali del 3 novembre. L’intervento dell’ex vicepresidente mentre era ancora in corso alla Casa Bianca la cerimonia per la nomina di Barrett.

Amy Coney Barrett dedica le sue prime parole come giudice designato dalla Corte Suprema alla defunta icona liberale Ruth Bader Ginsburg: “Ha rotto diversi soffitti di vetro”, ha detto Barrett, che è un cattolico conservatore di nascita. Barrett ha anche ricordato il giudice costituzionale Antonin Scalia di cui era discepola. “Il compito di un giudice – ha detto – è applicare la legge così come è scritta”

“La scelta fatta da Trump per la successione al giudice Ginsburg alla Corte Suprema è chiara: vuole distruggere l’Affordable Care Act e rovesciare il Roe”: così commenta la candidata democratica alla vicepresidenza Kamala Harris sulla nomina di Amy Coney Barrett, riferendosi alla riforma sanitaria di Barack Obama (Obamacare) e alla storica sentenza che ha legalizzato l’aborto negli Stati Uniti. “Questa nomina porterà la corte più a destra per una generazione e interesserà milioni di americani”, aggiunge Harris su Twitter.

Barbara Matro

Barbara Matro

Linguista esperto e professionista della comunicazione con esperienza pluriennale lavorando su progetti di copywriting, transcreation, implementazione creativa e localizzazione per una vasta gamma di clienti e agenzie globali. Pensatore creativo, creativo e comprovata esperienza di lavoro sotto pressione con scadenze strette per soddisfare le aspettative del cliente e superarle. Spinto dallo spirito imprenditoriale, dallo scopo e dalla mentalità creativa per anticipare le esigenze del cliente e elaborare strategie personalizzate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *