Zuckerberg al Congresso degli Stati Uniti: “Facebook è orgogliosamente americano, la Cina ha valori diversi”

Facebook è “un’azienda americana, orgogliosa” di esserlo. Mark Zuckerberg si sta preparando a difendere la sua compagnia prima del Congresso durante l’udienza che si terrà oggi insieme ai leader di Apple, Amazon e Google. “Crediamo nella democrazia, nella libertà di espressione, nella competizione e nell’inclusione su cui si basa l’economia americana”, spiega Zuckerberg basandosi sul testo del discorso che pronuncerà. “Non ci sono garanzie che questi valori vinceranno. Ad esempio, la Cina sviluppa la sua versione di Internet su valori diversi ed esporta questa visione in altri paesi”.

Il fondatore del social network sarà in videoconferenza insieme agli altri tre grandi nomi della tecnologia americana: Jeff Bezos, fondatore di Amazon, Tim Cook, CEO di Apple e Sundar Pichai, capo del gruppo Google (Alphabet). Zuckerberg spiegherà inoltre che Facebook ha ancora del lavoro da fare per combattere la disinformazione e l’interferenza con il voto: “Riconosciamo che abbiamo la responsabilità di fermare coloro che cercano di interferire o mettere in pericolo il” confronto negli Stati Uniti “attraverso disinformazione o discorsi che incitano all’odio e alla violenza “, afferma Zuckerberg, secondo le anticipazioni riportate dal Politico. “Capisco le paure che esistevano e stanno lavorando per affrontarle. Anche se stiamo facendo progressi, riconosco che abbiamo ancora molto lavoro da fare”, aggiunge Zuckerberg, pur sottolineando l’importanza di Facebook nella conversazione nazionale sulla razza giustizia ed elezioni.

Il padre di Facebook sarà messo sotto pressione sull’acquisto di Instagram nel 2012 e di WhatsApp nel 2014 e difenderà l’integrazione: “Instagram e WhatsApp sono stati in grado di crescere e operare nel segno di Facebook – argomenterà – a bassa costi di infrastruttura, contrasto di spam e contenuti dannosi “.

READ  Ecco gli errori che facciamo nella cura dei capelli

I progressi del discorso di Bezos arrivano anche dagli Stati Uniti. “Penso che Amazon debba essere esaminato. Dovremmo esaminare e valutare tutte le grandi istituzioni, siano esse aziende, agenzie governative o organizzazioni no profit. La nostra responsabilità è assicurarci di superare l’esame.” Il fondatore del gigante dell’e-commerce ripercorrerà la sua storia e la storia di Amazon. “Non è un caso che sia nato in questo paese. Più di qualsiasi altro posto al mondo, le aziende possono iniziare, crescere e prosperare negli Stati Uniti”, aggiunge Bezos, ponendo l’accento sulla crescente concorrenza che Amazon sta affrontando ogni giorno.

Angelo Narcisi

Angelo Narcisi

Multilingue e multitasker. Amante Agile. Giocoliere digitale. Giocatore di squadra. Completamente impegnato con il re (contenuto). Felice musicista e viaggiatore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *